martedì 27 settembre 2011

Un corridoio nominato africa ovest !!! par Slimane Melab, mardi 27 septembre 2011, 12:10

Un corridoio nominato Africa Ovest !!!L'Africa Ovest , il Sahel e l'Africa del nord sono diventati il luogo del passaggio privilegiato dei cartelli di cocaina dell'america latiina .Il ricercatore Alain Antil , dell'istituto francese di relazioni internazionale ( IFRI ) , fù l'invitato del centro di ricerca strategica e sicurezza (CRSS ) nel 13 settembre scorso per partecipare alle ricerche sul soggetto .- La cocaina secondo Alain Antil , fù arrivata in Africa Ovest e in Sahel nella meta del 2000 . Ma !!??? Perche proprio questa data e questa regione ??? Basandoci sulle statistiche dell'organizzazione dell'ONU , il ricercatore farà notare che la regione conobbi dei sequestri annuali che non sorpassino una tonnellata prima del 1986 ; ma da allora fù registrato non meno di 46 tonnellate sequestrati annualmente .Questo arrivo di massa s'effettua iniziando dal Capo Verde , dalla Guinea Bissau , dal Senegal , e dalla Mauritania . Dall'America Latina ( Colombia - Perù e bolivia ) , la droga è soprattutto effettuata atraverso le navi , delle volte via aerea , sui piccoli aerei scelti per attraversare l'oceano , e anche sui voli commerciali via Dakar ( Capitale del Senegal ) . Nel 2008, la consommazione di cocaina in America del nord fù del 41 % , seguita dell'Europa di 26 % e in fine del sud America del 20 % . E da questa data in poi , il mercato europeo sorpassò in valore quello americano per via della caduta del dollaro . Gli USA hanno conbattuto con tutte le loro forze contro i cartelli della droga , rendendo il suo trasporto molto caro e più pericoloso . Secondo le osservazioni del ricercatore dell'IFRI che ci indicherà anche ch'i cartelli dela droga erano obligati di passare dall'America Centrale ed erano anche obligati in composizione con i cartelli Messicani . Di fronte un mercato europeo in piena espansione e molto meno pericoloso per passare dall'Africa Ovest , una regione priva di consommatori , e ch'i cartelli trovino facilmente dei complici locali . Il traffico di cocaina , partendo dall'Africa è stimato tra gli 80 e 100 tonnellati , l'anno chi generò qualche milliardi di Dollari , già un pò più del del PIB di certi paesi della regione . Bisogna sapere che 1 kilogramma di cocaina costa in Colombia : € 2400, 00 , in Guinea Bissaù € 8000,00 , in Mauritania € 10. 000,00 e in fine € 20.000,00 in Nord Africa .Il colpo più grosso si trova in Europa dove il prezzo e vario tra i 30.000,00 e i 45000,00 € .Per quanto riguarda agli autori di questo traffico , in primo piano , i cartelli colombiani con le mafie europei tradizionali come Casa Nostra , presenti per forza in Afriica Ovest In secondo piano vengono i negoziatori composti da gang nigeriani e ganesi che sono già attivi dagli anni 50 . In terzo piano , troviamo le mafie di stati , questo divenne sistemico all'interno dallo stato , dove c'è gente nella missione è di facilitare questo genere di traffico .
A titolo illustrattivo , Alain Antil cità il capo della marina della Guinea Bissaù chi figura sulle liste dei grandi criminali negli USA .
Esistono anche certi membri della diaspora Sirio - Libanese con le tribù locali in materia di guide di trasporti con un minimo grado " AQMI " chi assicura la protezione dei convogli in una parte del Mali .
A tutto questo bel mondo si aggiunge la diaspora africana presente in europa con la complicità di molti cittadini europei .
Il ricercatore ci noterà anche ch'il numero d'autori di questo squallido traffico si sta multiplicando nella regione ma senza rischi .
Ci fa ricordare anche ch'i colombiani quando trattano con i ghanesi e i nigeriani non li pagano in contanti " cash " ma con una piccola quantità della cocaina . In questo momento esiste il controllo delle zone di stoccaggio e tanta competizione , dove è ricorso all'armamento di diversi gang .
Per i capi di stato delle regioni dell'africa ovest , questo illecito traffico , non resulta come reato prioritario , anzi , ben venga , visto che porti i soldi e non influisci sulla regione , pero c'è un afflusso di contanti che si recicla facilmente che si potrebbe comprare un intero immobile a Dakar .
In tutta l'africa ovest soltanto il 7 % possiede un conto corrente bancario ; pero c'è da considerare anche questi , subirono delle pozioni amare dalla banca mondiale , nel momento in qui conobbero un boom demografico chi renderò più arduo il lavoro il lavoro dei governi della regione e di fare notare il pauperamento , basrti guardare i vestiti dei funzionari da " clochards " .
Questi paesi dependono dall'importazione , e da troppi postini che facilitano il traffico della droga senza cercare di combatterlo per fermarlo .

J’aime · · Partager · Supprimer