Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 15 luglio 2013

La storia della regina KAHINA, Damia Tadamaits!!!

la storia della regina kahina berbera del nord africa

Avventura epica, che la regina berbera che si oppone al VII secolo, all'invasione araba del Nord Africa! Kahina, il che significa sacerdotessa, il cui vero nome è Dihya o Damya in Tifinagh è un berbero Warrior Queen Aurès che si opponevano all'espansione dell'Islam in Nord Africa, nel VII secolo, e ha dato la sua vita per cercare di salvare l‘indipendenza del suo paese.
Kahina, la berbera regina guerriera che ha resistito alle invasione arabo-musulmani
Quindici anni dopo la morte del Profeta Maometto, le armate arabo-musulmani
conquistatori sono arrivati ​​alle porte del Nord Africa. Questo paese, una volta trasformato
dalla civiltà romana, in parte conquistata la fede cristiana, si passa alla crescente impero del mondo musulmano.
Fu allora, che per far fronte con gli invasori, la donna terrà la resistenza berbera, rendere la difficile unità del nord Africa nominato di seguito “ Maghreb” , che significa in arabo: Ovest . e a dei cavalieri arabi infliggerò pungente sconfitte. Quest'ultima, nota alla storia come la Kahina,  aveva un carattere sacro. In arabo significava la strega, sacerdotessa, la maga. Il suo vero nome è Dehya o Dhya o anche Damia Tadamaits, il che significa in berbero "Bella gazzella". Lei in realtà aveva un dono profetico e fu venerata per il suo popolo. Ma il suo stesso successo causerà la sua rovina. Orgoglioso, intransigente, fiera delle sue vittorie, la Kahina viveva solo per la sua tribù. Ma questa donna ammirevole, così a lungo ascoltata e ubbidita, non può mantenere l'unità berbera e superare le rivalità tribali eterni. E 'pertanto prevedere il proprio destino e superare dal tradimento, si esibirà un grande salto d’onore in cui i suoi migliori compagni cadono, prima che lei stessa  lasciò lì la vita.
L'islamizzazione del Nord Africa era.
Si basa sul lavoro degli storici più eminenti di un oratore algerino raccontato con emozione, la passione e l'amore per la terra, la storia straordinaria della "Giovanna d'Arco berbera" che ha giocato con tanta grandezza La follia di indipendenza e l'orgoglio di un popolo passionale.
Tra l'antica Thevest romana ora chiamata Tebessa e agglomerazione di Bir El Ater, è un bene chiamato "Bir el Kahina" (il pozzo di Kahina) come riferimento alla memoria del luogo in cui fù stata uccisa . Al Baghai attualmente piccolo villaggio a circa 20 km da Khenchela, degli abitanti designarono certe rovine antiche come le rovine del "palazzo di Kahina."
Il nome del fiume Meskian dove Kahina vinsi la sua prima vittoria contro il generale Ibn Numan, così come il villaggio di Meskiana si spruzza, le parole vengono del berbero  che significa: MeS..Kiana "figlio di Kahina." Alcuni Berberi Chaoui dei Aurès dicono di avere il "naso della Kahina" leggermente arcuato.

La regina Damia Tadamaits.