Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 26 agosto 2013

Il quotidiano arabo Ennahar rivela come Rebrab ha "saccheggiato" lo Stato


Secondo Algeria 360.com,
E dura in quanto le rivolte del l'olio e dello zucchero nel 2011
Per evitare lo scenario di rivolte nel gennaio 2011, lo Stato concede 9.000 miliardi esenzioni monopoli dello zucchero.

Ministro del Commercio Mustapha Benbada ha detto al quotidiano arabo Ennahar El Jadid, il Tesoro spende annualmente circa 3.000 miliardi di dinari, pari a circa 30 miliardi di dinari in termini di sovvenzione "nascosto" dal 2011. Questo rappresenta esenzioni dai dazi doganali e IVA per l'importazione di materie prime per la produzione di entrambi i beni di consumo generale, olio e zucchero. Il bilancio complessivo per l'acquisto della pace sociale sarà di circa 9.000 miliardi di dinari, alla fine dell'anno, secondo la stessa fonte.
Gran parte di questo feed di dotazione finanziaria alimenta i conti del capo Cevital gruppo Isaad Rebrab, che detiene quasi tutto il monopolio sul mercato per l'olio e lo zucchero.
Oltre alla copertura da parte del Tesoro dei dazi doganali (30%) e l'IVA (17%), lo Stato ha dovuto pagare 250 miliardi di centesimi ( ossia 250 milioni di dinari Algerini)come compenso inerente l'aumento dei prezzi sul mercato mondiale di soia . Tale importo aggiuntivo è stato destinato a stabilizzare il prezzo di 5 litri di olio a 600 dinari (€ 6,00)nel mercato domestico. Sei commercianti beneficiare di questa concessione. La continuazione di questa politica di sovvenzioni, nonostante il fatto che durante queste materie prime sono scesi ad un livello molto basso nel mercato internazionale, prevede la possibilità per gli operatori di un monopolio su questi prodotti per realizzare enormi profitti. Tuttavia, il governo non ha né la volontà di fermare i sussidi e ancor meno per recuperare i soldi pagati in rilievo a tutto tondo. La prova è che il reparto Benbada non ha mai impostato il livello dei prezzi di zucchero e olio nel mercato internazionale da cui il Tesoro deve raccogliere esenzioni.
Sotto la Legge Finanziaria 2013 ", il Ministero delle finanze o del tesoro può recuperare alcune o tutte le deroghe concesse agli importatori di zucchero quando si è constatato che i prezzi di questa materia prima  sono scesi a un livello molto basso sul mercato internazionale ", dice Mustapha Benbada.
Ma, tuttavia, ha recentemente sottolineato, questo non può essere fatto ora, perché "non c'è crollo dei prezzi, poiché i prezzi sono accettabili e solo relativamente bassi rispetto all'anno 2011. Se il Tesoro decide di recupero dei dazi doganali che erano il 30% e l'IVA (17%), l'importo raggiungerà 90 milioni di dinari. " E se questi operatori svolgono da sovraccarico loro acquisti? M.Benbada ha confutato questo inventario. "Sono pochi di numero, 2-3 operatori attivi nel settore dello zucchero e sei negli oli alimentari", cioè monopolizzare questo settore da solo e improvvisamente, il mercato algerino.
"Non possono imbrogliare, perché dobbiamo li guardiamo a vista e vengono attentamente monitorati dalle amministrazioni fiscali e la finanza", rassicura. Questo è l'Agenzia Nazionale per la Promozione del Commercio Estero (Algex), che ha un abbonamento con l'agenzia di stampa britannica (Reuters) seguendo la merce di consumo di massa e trasmette il rapporto andamento settimanale corsi per il Ministero del Commercio, quindi il governo. Dobbiamo ricordare che il governo ha deciso in data 8 gennaio 2011 di eliminare "temporaneamente" alcune tasse sullo zucchero e olio da cucina per frenare l'aumento dei prezzi e le rivolte in diverse città in Algeria.
Issad Rebrab