Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 19 agosto 2013

Khelil Bedjaoui, Verona e mezzo miliardo di Euro, nuove rivelazioni sulle indagini della giustizia italiana


Secondo Algeria 360.com,
"La politica degli Stati Uniti, non fornisce le informazioni che avete richiesto, perché si tratta di informazioni personali" ha ufficialmente risposto, e dopo consultazione con il Segretario di Stato per gli Affari Esteri, l'Ambasciata di Stati Uniti ad Algeri al fratello Al Djazaïr News che avvicinava i suoi servizi per confermare o negare la cittadinanza degli Stati Uniti per l'ex ministro dell'Energia Chakib Khelil.
La risposta degli Stati Uniti detiene il dubbio. Ma non solo. Il non circolazione del mandato di arresto contro Khelil e altri otto associati con Sonatrach scandalo sul sito dell'Interpol, sta anche spingendo a fare domande.
E anche se il rappresentante dell'Interpol in Algeri, e direttore della polizia giudiziaria, ha detto in un articolo del giornale on line Patriottica Algeria: "Le parole e il procuratore generale presso la Corte di Algeri erano chiari.
Lavoriamo sempre in conformità con le leggi della Repubblica in tutti i casi e in presenza di un mandato di arresto internazionale, generalizziamo immediatamente e automaticamente in tutti i paesi e di tutta la nostra rete. "
In ogni caso, Khelil ha mostrato la sua intenzione di comparire davanti al giudice algerino e da allora il suo processo una connotazione politica e la sua copertura mediatica può creare una certa pressione sulla giustizia algerino, Hocine Zehouane, presidente della Lega algerina per la difesa dei diritti umani, ha detto ieri il le colonne di El Khabar, che i diritti umani sono disposti a stare con l'ex ministro per garantire il buon funzionamento di tutto il processo giudiziario, lontano da qualsiasi insediamento di conto.
In attesa della presentazione di Chakib Khelil in tribunale, i media italiani continuano le loro rivelazioni sul caso. Il quotidiano italiano Il sole 24 ore ha rivelato il 16 agosto, che attraverso i conti in Svizzera Farid Bedjaoui, i canadesi hanno finanziato i beni di Chakib Khelil.
I media italiani, citando i nuovi risultati delle indagini della giustizia italiana, ha detto che la società canadese First Calgary Petroleum ha firmato contratti con la società Parco Limited, di proprietà di Farid Bedjaoui, tra il 2002 e il 2007.
Il denaro ricevuto nei conti della società Farid Bedjaoui, con sede in Svizzera, è stato utilizzato per finanziare una proprietà Chakib Khelil e il suo amico Omar Habour, con sede nel Maryland, Stati Uniti.
Il documento si riferisce anche a due lettere hanno scoperto che l'ex Ministro dell'energia può essere indirizzata al Presidente della First Calgary Petroleum. In queste partite Chakib Khelil riferito, ha espresso preoccupazione per un possibile cambiamento del CEO, il signor Anderson. Un cambiamento avrebbe un impatto negativo sulla loro attività.
Pochi mesi dopo questa lettera, nel settembre 2008, First Calgary è stata acquisita da ENI a 610 milioni di euro. Il sole 24 ore ha anche riferito della visita in Italia di due giudici algerini e due elementi della DRS, e per continuare l'indagine in questo paese e lo scambio di informazioni con gli investigatori a Milano. Il giornale italiano ha anche riferito il pagamento di denaro da una società controllata di costruzione Orasom in conti svizzeri di  Farid Bedjaoui.
Ha detto che il tribunale di Milano la scorsa settimana ha respinto la richiesta di rilascio da parte del commercialista Pietro Verona e ex funzionari di Saipem, sostenendo che il pubblico ministero ha presentato prove sufficienti per stabilire la colpevolezza dell'imputato.
Ricordiamo che l'inchiesta della giustizia italiana ha trovato tracce di pagamenti di tangenti pari a milioni di euro, da Saipem e altre società, tra cui il canadese SNC Lavalin.
Ha anche scoperto la merce (yacht, arte, immobili e imprese) e conti aperti dagli imputati a Dubai, Libano, Singapore, Panama e Svizzera. I fondi sottratti non sono ancora stati quantificati con precisione, ma stiamo parlando di un importo che supera mezzo miliardo di euro.
Il beneficiario principale sarebbe, secondo gli inquirenti italiani, Farid Bedjaoui ed ex ministro Chakib Khelil si crede di essere il destinatario della maggior parte dei fondi. Inoltre, la contabilità di Verona ha detto agli investigatori che Bedjaoui servito come collettore di tangenti per conto del ministro algerino: "Lui mi ha detto che ha dato i soldi per il ministro dell'Energia Khelil

Khelil Bedjaoui Benachenhou, Malti, Belhadj ... Gli ospiti a sorpresa.

La sede di SONATRACH. Algeria.