Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

sabato 10 agosto 2013

Lo Svizzero che sogna la presidenza di Algeria????


Non sono un legale per giudicare alcune persone ben integrate in Algeria, ma poi hanno deciso di optare per una destinazione diversa, per ragioni e altri interessi personali.
Attualmente ho notato che ci sono un sacco di contendenti per la presidenza di Algeria? Questo non è un problema se ci sarà un vero voto democratico e l'eletto sarà all'altezza appositamente per risolvere i problemi sociali che hanno creato troppe barriere e diviso le varie etnie culturali in Algeria.
Purtroppo il regionalismo ha sempre esistito fin dagli albori del tempo e continua a galoppare diffondendo rapidamente un seme velenoso ovunque. Chiunque abbia la volontà di la potenza di riconoscere gli "Amazigh" . Amazigh è la razza aborigena, nazionale, ufficiale e la lingua "Amazigh" sarà studiata in tutto il paese, e non solo nella regione di Cabilia. Tutti gli "Amazigh", Berberi del Nord Africa hanno riconosciuto questa lingua millennia e ancestrale. Questa lingua deve essere inclusa in tutti i diritti statali:  stati Civile, Daira, Wilaya, passaporto, carta d'identità o altro. Non possiamo aspettare per sempre!!! Questo ci permette di agire in piena libertà e autonomia??
Dopo la limgua Tamazight,  per noi tutte le altre lingue sono: seconde, terze e quarte.
Vogliamo il nostro popolo Amazigh, la nostra libertà e aboriginalità. Non vogliamo un presidente che parla solo arabo o francese o solo un presidente algerino berbero, ma che sarà in grado di affrontare la sua popolazione in tre lingue, che sarà in grado di gestire l'intero paese senza regionalismo e senza discriminazioni. Noi Amazigh, siamo stanchi di promesse di uomini squallidi e traditori che dettano le riforme specfiche, ma sul campo usano altri progetti personali. Siamo stanchi di uomini corrotti, abuso di potere, aggressione, sfida di potenza, vergogna, ladri del patrimonio di algerini siamo stufi di questi uomini, appena saliti al potere, essi pensano a sistemare le loro famiglie, i loro genitori, i loro vicini, i loro figli e altri amici. Siamo stanchi di sentire sempre parlare della stessa insalata mista : Degli stati occidentali, dei francesi, degli americani .... ?? No e no! Erano i capi della gestione del potere dittatoriale corrotto Algerino, dalla stampa alla giustizia (inesistente) danneggiata. Vorremmo un uomo coraggioso che ha le idee chiare per affrontare il nostro paese che è in procinto di andare alla deriva. Lo Stato algerino si deve gestire da se,  in modo indipendente e senza alcun obbligo di rendere conto per l'esercito. Abbiamo bisogno di un presidente leale, serio e patriottico. Abbiamo bisogno di un presidente che è in grado di sviluppare le infrastrutture, che potrà portare il lavoro a molte famiglie.
In Algeria non c'è tutto quello che serve, ma ci manca una figura carismatica che difenderà il nostro paese in tutto il mondo. L'Algeria è un paese del futuro che diventerà leader che avrà l'occasione di  imporre i suoi valori sul pianeta.
Abbiamo una FERRARI, ci manca un vero pilota!
Le Suisse qui rêve tout haut de présider l’Algérie
Ali Benouari, 62 ans.
http://www.algerie360.com/