Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

martedì 13 agosto 2013

Mandato internazionale di arresto contro Chakib Khelil, parenti e Farid Bedjaoui (Aggiornato)


Secondo Algeria 360.com
Un mandato di arresto internazionale è stato emesso contro l'ex ministro algerino dell'Energia Chakib Khelil, la moglie, due figli e Farid Bedjaoui, nipote di un ex ministro degli Affari Esteri.
Il pubblico ministero presso il Tribunale di Algeri, Belkacem Zeghmati che ha annunciato la notizia oggi in un comunicato stampa. Ha anche detto che è stato congelato il patrimonio della famiglia Khelil e sigillatura delle loro proprietà. Il Procuratore Generale ha respinto l'idea di una giustizia algerina lenta.
I giudici algerini "non hanno atteso l'italiano anche se la loro indagini", ha detto il signor Zeghmati , rivelato che ha inviato una citazione a Khelil di comparire davanti ai giudici algerini e rispondere alle accuse di corruzione su contratti conclusi tra il 2003 e il 2011. L'ex ministro dell'Energia ha invocato il suo stato di salute che lo impedirebbe di venire in Algeria. Questo è il risultato di questo rifiuto che i mandati di arresto internazionale sono stati emessi da due settimane. Sollecitato dal Maghreb Emergent la signora Bourayou Khaled dice che il problema sta nel fatto che "raramente comunicano un caso simile come questo scandalo finanziario, nonostante il fatto concerne l'Algeria e la giustizia algerina." "Vorrei che questa conferenza (Mr. Zeghmati) terrà prima le informazioni dal sistema giudiziario italiano", ha dichiarato Bourayou. L'avvocato si è detto "convinto" che il lavoro c'è stato fatto dalle autorità algerine, ma che merita di essere sostenuta da una migliore comunicazione.
L'avvocato signora Fetta Sadat spera che il mandato d'arresto nei confronti di persone con "posto speciale nel piano è la prova forse avremo finalmente fiducia nella giustizia algerina." Tuttavia, si ritiene che la giustizia algerina ha "dietro" ed era a queste importanti questioni relative a scandali finanziari che coinvolgono le alte sfere dello Stato algerino, come anticipato dal suo omologo italiano. "Mi sembra ora che il giudice algerino ha altra scelta che far finta o cercare di gestire l'attività in modo professionale e in conformità con le leggi della Repubblica," ha detto.
Contratti di 8 miliardi di euro con Saipem
L'annuncio arriva come procuratore generale dai media algerini diversi articoli hanno fatto un confronto tra l'avanzata e la trasparenza dei procedimenti giudiziari tra l'Italia sul caso di corruzione, tangenti pagate da Saipem tra il 2007 e il 2009, ottenendo sette contratti in Algeria per un totale valore di € 8 miliardi. Gli importi delle tangenti  sono stimati in base alla procedura italiana per 197 milioni.
Le "Commissioni" pagate al Partner Pearl Limited, con sede a Hong Kong, di proprietà di Farid Bedjaoui la stampa italiana questo l’ha definito come il "braccio destro di " Chakib Khelil negli  affari travagliati e oscuri. In Italia, l'alter-ego di Farid Bedjaoui è Pietro Varone, presentato come un esperto del sistema corrotto in atto messo da parte è in carcere dal 28 luglio. Ora ha fatto domanda per un rilascio prima della decisione  dei giudici che hanno tempo fino al 16 agosto .
Mandat d’arrêt international contre Chakib Khelil, ses proches et Farid Bedjaoui (Mise à jour)