Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

sabato 24 agosto 2013

Perché i terroristi continuano ad affliggere in Algeria?

A mio avviso non ce ne siano stati ne gli americani e ne gli europei di mezzo a questo  grandissimo baccano creato delle famosi associazioni criminali come : AQMI- GIA- GSPC  nel nord africa e nel nord del Mali e cc ... !!! Il potere era sempre stato l’obiettivo di ogni pretendente capo di questi “ gihadisti ”. Non avendo trovato nessuna via di uscita, questi criminali hanno provato di tutto e si erano diretti dappertutto in tutte le direzioni nello scopo di dare una vera svolta alle loro intenzioni. Malgrado tutto il caos che crearono in Algeria con i veri sequestri di persone, le uccisioni, le rapine, le aggressioni a vari cittadini, agli attentati a diversi caserme militari, alle imboscate preparate ai danni di tanti poliziotti assassinati , ai falsi posti di blocco, alle estorsioni  e menaci ai danni della popolazione, nonostante ciò i militari algerini sono riusciti a dare un filo da torcere a questi criminali che si combattono con il nome di dio e dei musulmani. Il problema attuale è l’indebolimento di tutte le organizzazioni di AQMI che hanno i legami con ALQAIDA; dopo l’intervento dei militari Francesi nel nord del Mali, I terroristi (islamici) si sono ritrovati in piena crisi materiale e soprattutto umana. Il reclutamento dei nuovi seguaci è diminuito moltissimo a causa delle loro perdite ultimamente in diversi affrontamenti e soprattutto nel nord del Mali e con l’esercito algerino che non gli dà nessuna tregua.
L’occidente non ha nessuno interesse ad appoggiare gli islamici che puntano a instaurare delle repubbliche islamiche; al contrario semmai meglio un dittatore che faccia i loro interessi  come tanti nel mondo. Chi ci sta dietro a questi è sicuramente un rivale che produce la stessa materia prima come l’Algeria e la Libia; quanto alla Tunisia era solo un incidente di percorso ; in pratica non doveva proprio succedere visto che Ben Ali curava gli interessi dell’occidente. Quanto all’Egitto; è il più grande paese arabo che fino a ieri fu guidato egregiamente negli interessi dell’occidente e rispettando il patto di pace con Israele.  Morsi non stava ai patti ed era in procinto di ritoccare alcuni leggi della costituzione Egiziana e specialmente l’ultimo; il patto con Israele. Ai terroristi non interessava la pace e tanto meno di allargare con i paesi occidentali che secondo loro sfruttano il resto del mondo.

L’Algeria era sempre stata l’obiettivo principale, è un paese ricco , strategico e soprattutto (( musulmano)), facile preda da dirigere? ??