Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 6 settembre 2013

Siria parla di "terza guerra mondiale"

Secondo Algérie-Focus.com,
Articolo tradotto da Slimane Melab,
"Il governo siriano non cambierà la sua posizione anche se vi è una terza guerra mondiale. Nessuno siriano non può sacrificare l'indipendenza del suo paese ", ha detto il vice ministro degli Esteri siriano Faisal Moqdad a AFP il 4 settembre. Termini determinati che riflettano la portata e la complessità del conflitto siriano.
Faisal Moqdad ribadisce la posizione del governo, pronto ad affrontare l'opposizione interna ed esterna. Ha assicurato che il regime siriano ha adottato "tutte le misure" per affrontare gli attacchi occidentali nella sua dichiarazione alla AFP, aggiungendo:
"Noi non daremo informazioni su come la Siria si vendicherà. Nessuno può prevedere quale sarà la situazione nella regione dopo l'inizio dell'attacco. "
Il presidente siriano Bashar al Assad ha anche detto la Siria aveva mezzi per reagire, senza specificare quale. Egli indirettamente minacciato le forze occidentali che lo accusano di aver commesso un attacco chimico mortale alla periferia di Damasco.
"Nel quadro delle Nazioni Unite, la Siria ha la risposta giusta perché questo attacco non ha alcuna giustificazione in base al diritto internazionale", ha detto il viceministro degli Esteri siriano. E aggiungere:
"Se la Francia vuole sostenere Al-Qaeda e i Fratelli Musulmani, come è nata in Egitto e in altre parti del mondo, che è a capo di fallimento in Siria", ha detto in un'intervista condotta presso il Ministero degli Affari Esteri di Damasco.
La Siria è anche pronta a formare una coalizione con i suoi alleati contro l'Occidente, una minaccia che potrebbe minacciare l'intera regione del Medio Oriente, internazionalizzare il confitto e dividere il mondo in caso di "III Guerra Mondiale".
"Gli Stati Uniti stanno mobilitando i loro alleati per l'aggressione contro la Siria. Credo che, da parte sua, la Siria ha il diritto di mobilitare i suoi alleati e che le offrono tutti i tipi di supporto ", ha detto, senza ulteriori dettagli.
"L'Iran, Russia, Sud Africa e paesi arabi rifiutarono questo attacco e sono pronti ad affrontare questa guerra dichiarerà che gli Stati Uniti e dei suoi alleati, tra cui la Francia, contro la Siria" ha detto Mr. Moqdad.
L'Iran è attualmente rilevabile a sostegno del regime. Tuttavia, il presidente russo Vladimir Putin ha finalmente detto "pronto ad agire" a condizione che le prove presentate dalle Nazioni Unite contro Bashar Al Assad sono "convincente" in un'intervista esclusiva con The Associated Press il 4 settembre .
ministre syrien
Articolo by salsabil chellali
-