Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 2 settembre 2013

Un conflitto strategico potrebbe scoppiare tra Algeri e Bamako a causa del petrolio di confine???

Secondo Algerie 360.com ,
Certo , il confine algerino - maliano non costituisce solo un disturbo o una rottura dal punto di vista della sicurezza , in quanto al di là della lotta contro , i gruppi AQIM terrorisctici affiliate al traffico di droga, il contrabbando e la criminalità organizzata , i due paesi confinanti potrebbero anche entrare in conflitto strategico , chiamato "Petrolio di frontiere. "
Inoltre , più voci in Mali ora si domandano circa la sorte dei giacimenti petroliferi che si trovano al confine tra i due paesi . In effetti , le voci sono state sollevate a Bamako per chiedere una rapida uscita e senza incidenti per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi che stanno ai confini :  Algerino -Maliano e potrebbe , secondo queste voci , creare un vero e proprio conflitto strategico negli anni . Questi includono l'esperto maliano Ousmane Konate , che in una dichiarazione a un giornale del Mali , era molto preoccupato che l'Algeria " viola " i campi petroliferi situati alle frontiere .
Consulente tecnico del Ministero delle Miniere del Mali in carica di Petrolio , è andato oltre, affermando che " in caso di scoperta del petrolio nel Mali , un paese a sud della Repubblica di Algeria, il paese vicino potrebbe sfruttare il “Petrolio del Mali " . Questa paura del lato di Bamako sta cominciando ad amplificare soprattutto dopo il ritorno della calma , dopo lo scoppio della guerra contro i gruppi terroristici espresso nel nord del Mali .
Questa paura , che potrebbe inasprire i rapporti tra Algeri e Bamako , anche seguito le elezioni presidenziali , che ha visto l'avvento al potere del nuovo presidente maliano Ibrahim Boubacar Keita , come è con il ritorno graduale alle istituzioni del Mali e che i Maliani pensano in grande . " Il Mali ha solo cinque bacini sedimentari . Invece il Nostro Paese ha tutte le condizioni purche il Mali opera nel suo petrolio un giorno alle sue frontiere , ma questo non è il caso in questo momento . Tuttavia, l'Algeria potrebbe superarci  e prendere il nostro petrolio", ha detto Konate .
Oltre a Ousmane Konate , altri esperti e politici maliani non hanno nascosto i propri timori circa il petrolio del Mali al confine con l'Algeria . Secondo le loro dichiarazioni , i giacimenti petroliferi si trovano sotto le grandi rocce in modo da sfruttare richiederà risorse materiali enormi e solo le società straniere hanno questi potenzialità necessarie per tali operazioni . In Mali , è impossibile arrivare a investire in questi depositi , nonostante la carezza e il sogno francese di sfruttarli.

L' Algeria rifiuta una tale azione , perché si tratta di una strategia di politica e di sicurezza . Per arrivare a sfruttare i giacimenti di petrolio , è necessario prima di tutto che i due paesi , l'Algeria e il Mali , negoziare l'uso di queste sono soprattutto le frontiere . Si tratta di una strategia e nessuno può , per il momento , " violare " la frontiera del petrolio . Tuttavia, I Maliani non nascondono i loro timori e credono che il futuro di questa questione strategica è incerto , perché sanno benissimo che le autorità Algerine non saranno in nessun caso d’accordo nell’accettare lo sfruttamento del petrolio  di confine da società estere . L'uso della forza in questo potenziale conflitto non è distribuito in modo uniforme , ha detto una fonte del Mali .
Un conflit stratégique pourrait éclater entre Alger et Bamako à cause du pétrole des frontières