Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 3 novembre 2013

Algeria / Autorità vieta la mostra della Bibbia ...!!!

Secondo DieuTV,
La Chiesa protestante d'Algeria ( EPA) ha in programma di tenere una mostra su " La Bibbia , Patrimonio dell'Umanità ", presso il Centro Culturale di Aokas ma il wali di Bejaia ha rifiutato di dare il permesso agli organizzatori .
Secondo il rapporto della Cabilia , Mr. Ahmed Hamou Touhami ha spiegato il suo rifiuto ha inviato una risposta scritta al EPA . Secondo lui, questo spettacolo non sarebbe coerente con le disposizioni della legge del 2006 che disciplina il culto non musulmano in Algeria .
"In risposta alla vostra dichiarazione di organizzare una mostra , seguita dalla proiezione e conferenza prevista Aokas centro culturale, dal 20 al 27 ottobre 2013, ho l' onore di informarLa che, ai sensi delle disposizioni del legge 02/06 del 28 febbraio 2006 , relativa all'esercizio di religioni diverse dall'Islam e dal Decreto Delegato n ° 07 / 130 del 19/05/2007 , non è possibile per me una risposta positiva ", si legge esattamente nella mail inviata al EPA .
La reazione del presidente della Chiesa protestante d'Algeria non si aspettava . In effetti , il pastore Mustapha Krim ha denunciato " un attacco alla libertà di espressione ", che è ancora garantito dalla Costituzione . "Vedo questo rifiuto come un affronto alla libertà di espressione . Si rifiutano di farci parlare . Non siamo in grado di organizzare qualsiasi cosa al di fuori delle mura della chiesa . E anche i luoghi di culto del caso, non abbiamo ", ha detto al quotidiano algerino , anche affermando : " Abbiamo in programma una mostra Bibbia con foto, proiezioni e conferenze per il grande pubblico . Si tratta di una manifestazione di carattere scientifico e culturale , lontano dal fare proselitismo " .
Questo rifiuto è " un di più l'ingiustizia perpetrata contro la Chiesa protestante d'Algeria . n ci rifiutiamo l'autorizzazione a tenere una mostra in culturale e scientifico , mentre le altre organizzazioni religiose hanno la libertà di organizzare mostre , attività religiose e incontri con risorse statali , è un'ingiustizia " rammaricato per la sua Farid parte , uno degli organizzatori .
Dal 2011 , la Chiesa protestante d'Algeria - che comprende 25 Chiese Riformate , luterane ed evangeliche - parte del riconosciuto ufficialmente dai culti Stato algerino , ma questo riconoscimento è ancora affetto da una profonda diffidenza verso le autorità politiche e musulmano. Secondo la rivista LaVie , questa diffidenza è dovuta a due motivi principali: "In primo luogo , perché i protestanti hanno una forte reputazione ( e ingiusto ), come la quinta colonna dell'imperialismo statunitense , poi a causa del rapido sviluppo piccole strutture credenti in Cabilia particolare ha attirato la loro forte inimicizia in un popolo algerino per i quali l'identità nazionale è spesso confusa con l'identità religiosa . "
Durante questo periodo , in Francia , una grande moschea algerina è impiantato a Tours , con il sostegno finanziario del sindaco e la regione PS , che hanno già promesso un budget di 2.500.000 € .
La Bibbia.