Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 15 novembre 2013

Dopo la sua elezione al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite, l'Algeria alla prova del rispetto della libertà

Secondo Algérie 360.com,
L'elezione di Algeria al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite è un onore e una grande responsabilità al tempo stesso .
Algeria è stata eletta con 164 voti a servire per tre anni nel Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite , superando di gran lunga il minimo di 97 voti a favore.
Nel mese di settembre , in occasione del dibattito generale dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite , il nuovo ministro degli Esteri , Ramtane Lamamra , ha ribadito l' impegno di Algeria " nella promozione e protezione di tutti i diritti " , aggiungendo che" è questo l'impegno che ha motivato la domanda di Algeria per un seggio nel Consiglio dei diritti dell'uomo per il periodo 2014-2016 . "
Il MAE ha anche evidenziato " l' alto senso di responsabilità " di Algeria e la sua volontà di contribuire realmente a " migliorare l'efficacia " del Concilio . Non senza la promessa che il nostro paese cercherà di migliorare la sua " propria performance" in termini di diritti umani.
La vigilia delle elezioni , Algeria
"Causato " da 6 ONG, tra cui Human Rights Watch ( HRW ) , che lo invita a prendere misure concrete per migliorare i diritti umani nel paese. E 'accusato Algeri esercizio " repressione contro i sindacati indipendenti " e vietare i lavoratori ' esercitare il loro diritto di riunirsi liberamente e di esprimere senza ricorrere alla violenza per disperdere " . Per HRW , " algerini devono essere in grado di esprimersi liberamente e dimostrare o esprimere le proprie opinioni . "
Le rivendicazioni delle ONG , inoltre , il rilascio dei prigionieri per reati di libertà di espressione. Presidente della Commissione Nazionale Consultiva per la protezione e la promozione dei diritti umani ( Commissione consultiva ) , Farouk Ksentini , ha risposto rapidamente , chiedendo il rilascio di "campagna avviata dai lobbisti della droga e la criminalità transfrontaliera . "
Per l'avvocato , " i tentativi di ingannare l'opinione pubblica internazionale sulla situazione dei diritti umani e delle libertà in Algeria , tra cui la libertà di associazione , alla vigilia delle elezioni del Consiglio di Human diritti , di cui l'Algeria è un candidato , solo confermano , ancora una volta , che il marocchino lobby droga e la criminalità transnazionale continueranno a colpire l'Algeria nella sua posizione nella lotta contro questi fenomeni e confondere li nelle sedi internazionali " .
Inoltre , il presidente della Commissione consultiva ha deplorato gli "attacchi " contro l'Algeria per " soffocare la sua voce ", notando che queste ONG " continuano a girare le spalle all' aggressione israeliana contro il popolo palestinese , i diritti umani diritti nel Sahara occidentale e di molti problemi umanitari in Africa ".
Ksentini anche rilevato che " il contenuto della relazione non rispecchia la realtà dei diritti umani in Algeria , " poggia su " i rapporti delle organizzazioni internazionali dei diritti umani che hanno visitato le carceri , le scuole e le strutture sanitarie del Paese e si è incontrato con i sindacati
e di organizzazioni indipendenti attivando nel campo dei diritti umani " .
Va detto che non c'è da mangiare e bere sulla questione dei diritti umani . Imposto dalle potenze occidentali in tutto il mondo , compresi i paesi nordafricani e arabi , questo è spesso brandita come arma dalle forze egemoni per considerazioni di ordine economico , geopolitico e geo-strategico . Ma per fortuna, molti credono che l'idea della democratizzazione del popolo , anche la loro emancipazione . Questo per dire che l'analisi di Ksentini è interessante ma incompleto .
E 'chiaro che la battaglia vinta nelle Nazioni Unite con l'Algeria a strappare un seggio mano superiore nel Consiglio dei Diritti Umani , è una buona cosa . Ma l'acquisizione di un tale luogo rende Algeria più responsabile nei confronti della comunità internazionale e la società del rispetto e della promozione dei diritti umani . Quindi, ciò che il destino è riservato al giovane blogger , Abdelghani Aloui in carcere dal 15 settembre ed editorialista di El Khabar , Saad Bouokba , che può essere citato in giudizio da parte del Ministero della Difesa ?

Après son élection au Conseil des droits de l’homme de l’ONU, L’Algérie à l’épreuve du respect des libertés