Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 21 maggio 2014

Israele corteggia la sua minoranza araba cristiana e ha ricevuto il Papa

Secondo " Le Point.fr",
Israele si prepara a ricevere il Papa Francesco coltivò la sua minoranza araba cristiana di convertire alla sua causa contro la maggioranza musulmana in un Medio Oriente afflitta da un conflitto settario .

Questa offensiva fascino ha recentemente cristallizzato su bandi di arruolamento volontario lanciato per la prima volta dall'esercito con i giovani arabi cristiani . Solo i cristiani , non i musulmani .

Inoltre ha condotto ad una legge controversa , senza precedenti in Israele , ha istituito una divisione tra cittadini arabi di musulmani e la fede cristiana a subire discriminazioni nel mondo del lavoro .

"Abbiamo molto in comune con i cristiani . Sono nostri alleati naturali , un contrappeso ai musulmani che vogliono distruggere il paese da dentro ", ha detto lo sponsor di questa legislazione , Yariv Levin , Likud ( destra nazionalista del partito ) Il primo ministro Benjamin Netanyahu .

Un discorso ispirato dalla retorica neo - conservatrice di " scontro di civiltà" , che è sensibile " Bibi americano" , vicino alla destra repubblicana negli Stati Uniti e amico evangelisti sionisti .

Questa non è la prima volta che Israele cerca di allearsi con le minoranze in una regione dominata dall'Islam , come dimostra il suo sostegno passato , il Libano , i falangisti maroniti e l' Esercito del Libano del Sud ( SLA ) . La venuta del patriarca maronita libanese Bechara Rai , ad accogliere il Papa Francesco ha sollevato le ire del sciita Hezbollah .

"C'è stato un significativo deterioramento della condizione dei cristiani in Medio Oriente ", dice il professor Gabriel Ben- Dor , direttore del Center for National Security Studies presso l'Università di Haifa .

"Questo è un buon momento per Israele di migliorare la sorte della sua minoranza cristiana , come è ora più motivati ​​a collaborare con lo Stato ebraico . Ed migliorare notevolmente la reputazione internazionale di Israele" ha detto a AFP .

- Divide et impera -

La risposta delle chiese non si aspettava , quando il Santo Padre - preoccupato per la sorte dei cristiani d'Oriente - compì il suo primo pellegrinaggio ecumenico , ma anche politico in Terra Santa .

La Chiesa greco-ortodossa ha rimosso uno dei suoi sacerdoti di Nazareth , principale città araba in Israele , padre Gabriel Nadaf , che avevano pubblicamente incoraggiato molto giovani arabi cristiani di arruolarsi nell'esercito , al fine di " servire il paese in cui vivono, che li protegge e sono cittadini a pieno titolo . "

Il numero di 1 , 4 milioni di persone , tra cui 130.000 cristiani , la minoranza araba rappresenta il 20 % della popolazione . Oggetto di discriminazione , anche nel lavoro e di alloggio , con l'eccezione della classe benestante , scende i 160.000 palestinesi che rimasero sulle loro terre dopo la creazione di Israele nel 1948 .

Il Patriarcato latino ( cattolico-romana ) Gerusalemme è montato anche sulla piastra contro la decisione dell'esercito spera di attirare quasi un migliaio di reclute cristiano nei suoi ranghi , contro un centinaio momento.

"Il problema principale è che questi cristiani palestinesi ", ha detto il Patriarca emerito Michel Sabbah , il primo palestinese a guidare la Chiesa cattolica di Gerusalemme ( 1988-2008 ) .

"Se noi accettiamo come palestinese , non stiamo andando in un esercito che mantiene l'occupazione o uccide i palestinesi ", ha dichiarato Mons. Sabbah .

"Dobbiamo essere buoni cittadini all'interno di Israele , ma essere un buon cittadino non significa obbedire a un ordine di uccidere i suoi fratelli , che sono i palestinesi ", ha deciso .

La destra nazionalista al potere in Israele, gioca la carta del " settarismo " dentro le stesse persone , tra cristiani e musulmani nel conflitto israelo-palestinese , secondo i suoi oppositori .

" Questo è chiaramente un tentativo di dividere la minoranza arabo- palestinese in Israele ", ha detto l'analista politico AFP Wadie Abu Nassar , che predice "successo molto limitato " di questa politica .

Per quanto riguarda " la stabilità in un turbolento Medio Oriente" che penzolava Israele cristiani tentati da esilio , poggia su una falsa sicurezza , argomenta questo ex portavoce dei vescovi cattolici della Terra Santa .

"Israele è un errore strategico non rispondendo all'instabilità regionale per azione positiva ", sostiene il signor Abou Nassar : " Fate pace con i palestinesi e di offrire piena uguaglianza a tutti i suoi cittadini sono le migliori garanzie per la futuro di Israele nella regione . "

Papa Francesco.