Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 28 maggio 2014

Pakistan: giovane donna lapidata a morte per avere fatto un matrimonio d'amore

Secondo " Le Point.fr",
Opposta al matrimonio, la famiglia ha sporto denuncia per "sequestro". Ma all'arrivo in tribunale, hanno aperto il fuoco.
Une jeune Pakistanaise a été lapidée pour s'être mariée par amour.
Una giovane donna pakistana è stata lapidata a morte per essersi sposata per amore. © Banara Khan / AFP

Farzana Iqbal , una donna pakistana di 25 anni , è stata recentemente sposata per amore e aveva così sfidato la sua famiglia in un paese dove i matrimoni forzati sono ancora la norma. Incinta di tre mesi , è stata lapidata a morte Martedì al centro di una grande città , da membri della sua famiglia opposta al suo matrimonio . Furiosa, la famiglia ha sporto denuncia per "sequestro " contro Romeo che Giulietta Pakistan, che viene presentato Martedì alla corte di Lahore ( est) dove dovrebbe " dire al giudice che lei era sposata per scelta " secondo il suo avvocato , Mohammad Rao Kharal .

Ma la giovane Farzana non poteva testimoniare una trentina di membri della sua famiglia sono stati attaccati al momento dell'arrivo alla corte situata nel centro di questa metropoli di oltre dieci milioni di persone , secondo la polizia . " Suo fratello ha avuto inizio con  l'aprire il fuoco su di lei con la sua pistola , ma ha mancato il suo obiettivo", ha detto un alto funzionario di polizia a Lahore , Rana Akhtar . " Farzana fuggita , ma cadde a terra . Membri della sua famiglia sono stati poi circondati e l'hanno picchiata a morte con i mattoni ", ha detto , ha aggiunto . Su richiesta dello sfortunato marito , però, era che la seconda moglie di Farzana , la polizia di Lahore ha presentato accuse contro i membri della famiglia della giovane donna , ha detto Mohammad Mushtaq , un altro funzionario di polizia . In Pakistan , quasi 1.000 donne e ragazze adolescenti sono stati uccisi l'anno scorso per aver " disonorato " le loro famiglie , secondo la Commissione Nazionale per i Diritti Umani , che ha denunciato la " impunità " di cui godono gli autori di questi omicidi .