Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

sabato 12 luglio 2014

Il CV anonimo, arma anti-discriminazione o impianto a gas?

Secondo "The point.fr"
Strumento contro la discriminazione per alcuni, l'onere amministrativo per gli altri. Di recente portato alla luce dal Consiglio di Stato, il CV anonimo, cuscino adottata nel 2006 ma mai entrato in vigore, soffre di una mancanza di volontà politica, ma anche un supporto sindacato e datore di lavoro.
Il Consiglio di Stato ha presentato l'argomento sul tavolo Mercoledì, sommando il Governo ad adottare, entro sei mesi dal decreto di applicazione della legge del 2006, che rende obbligatorio CV anonimo in società con le more di 50 dipendenti.
Negli esperimenti studi, i governi successivi non sono stati costantemente spingendo la scadenza.
Il Consiglio di Stato ha riconosciuto che lo sviluppo del testo ha incontrato "difficoltà" e che "gli esperimenti e la loro valutazione" condotta ha preso tempo, ma ha scoperto che questo non giustifica un ritardo è più disponibile.
Valls Il Governo non ha ancora preso una posizione in merito. Come previsto nella tabella di marcia dopo la conferenza sociale di questa settimana, che introdurrà nel mese di settembre un gruppo di lavoro sulla discriminazione sul posto di lavoro, con le parti sociali e le organizzazioni coinvolte-più. "Su questa base si deciderà", ha detto Saremo presso il Ministero del Lavoro, che non esclude modificare il testo sul CV anonimo in una legge più ampio progetto.
Secondo i suoi sostenitori, il CV anonimo Abilita le vittime di pregiudizi legati al colore della pelle, nome, luogo di residenza, età o aspetto fisico per ottenere un primo colloquio di lavoro.
"Ci sono esperienze interessanti sul tema, ma ci sono studi anche bit mista," nuance fa un reparto.
Uno studio è stato pubblicato nell'aprile 2011 dal Centro di Ricerca in Economia e Statistica (CREST), in collaborazione con il Pôle emploi. Essa conclude che il CV anonimo "penalizzare" in cerca di lavoro da immigrati o residenti in aree sensibili, che avrebbe soltanto una probabilità 22 di ottenere un colloquio con un curriculum anonimo, registrato contro 10 possibilità con un curriculum.
Questi risultati, ottenuti da un campione non rappresentativo di imprese sono descritti come "inattesa" dagli autori.
"Le aziende che hanno partecipato allo studio, che sono disposti a testare una politica contro le discriminazioni, probabilmente applicano già + + discriminazione positiva in tempi normali", spiega Thomas The Barbanchon, uno degli autori. Sono more pertanto comprendere le lacune in un CV può l'osservare che quando il candidato è un immigrato.
- "Non è l'alfa e l'omega" -
Questi "risultati completamente strani" sono "contraddette da tutti i collaudi effettuati in Francia e in Europa", afferma nel frattempo il direttore dell'Osservatorio di discriminazione Jean-François Amadieu, uno strenuo difensore di curricula anonimi.
Un'altra obiezione al dispositivo: la sua attuazione sarebbe "difficile", dice The Barbanchon. "Sarà costoso per le aziende di anonimizzare tutti i CV efficace e sarà difficile per l'amministrazione per verificare che questo è in realtà fatto".
Questa paura è condivisa da alcuni datori di lavoro. La Confederazione delle Piccole e Medie Imprese vede una "falsa buona idea" quella "maggiore" reclutamento "nessun effetto positivo".
I sindacati, nessuno due alla generalizzazione del cavallo di battaglia CV anonimo. Nessun centro ha risposto alla decisione del Consiglio di Stato.
Durante l'ultimo decennio, molte aziende e comunità hanno sperimentato il dispositivo, tra cui Axa, totale, PSA, l'ufficio postale o il dipartimento di Essonne. Dal 2008 la regione Aquitania esegue tutte le assunzioni sulla base dei curricula anonimi.
"Non ci sono costi o tempi aggiuntivi", spiega Naima Charaï, consigliere regionale per la lotta contro la discriminazione. "Per noi, dice, è un ottimo strumento per la diversificazione delle applicazioni, ma questo non è l'alfa e l'omega, questo è l'unico elemento della lotta contro la discriminazione."
Tra il 2010 e il 2012, la Regione sostiene di avere una media del 30% identificate applicazioni mora rispetto a prima dell'introduzione di CV anonimi.
"Abbiamo testimonianze di persone che reclutate da auto-censura, non avrebbe applicato senza il CV anonimo per paura di essere licenziati dai loro foto, il loro nome, le loro origini", dice la signora Charaï.

Between "per" e "contro" l'esecutivo ha sei mesi per decidere.