Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 11 agosto 2014

Gaza: Fidel Castro ha firmato un manifesto "in difesa della Palestina"

Secondo " Le Point.fr",
America Latina è emerso nei giorni scorsi in prima linea di condanna di un intervento militare di Israele nella Striscia di Gaza.
L'ex-président cubain Fidel Castro en 2013, photo d'illustration.
L'ex presidente cubano Fidel Castro nel 2013, fotografia illustrativa. © AP / Sipa
Fonte AFP
L'ex presidente cubano Fidel Castro ha firmato un manifesto internazionale "in difesa della Palestina", che esige che Israele conformi alle risoluzioni delle Nazioni Unite e di ritirarsi da Gaza, la Cisgiordania e Gerusalemme Est, ha detto Sabato Granma ufficiale di tutti i giorni. Fidel Castro, che ha 88 anni il 13 agosto, ha portato "la sua firma al gruppo di intellettuali e politici che hanno aderito al manifesto in difesa della Palestina", ha scritto Granma.
Altri firmatari di questo manifesto promosso dalla Rete in Difesa dell'Umanità (REDH), una rete di associazioni latinoamericane includono il presidente della Bolivia Evo Morales, artista argentino e Premio Nobel per la Pace Adolfo Pérez Esquivel, l'American ballerina cubana Alicia Alonso o scrittore Alice Walker.
Il manifesto chiede ai governi di tutto il mondo che richiedono a Israele di rispettare la risoluzione ONU del 1967, che lo chiamò a ritirarsi dai territori catturati durante il conflitto.
Un "nuovo tipo di fascismo"
America Latina è emerso nei giorni scorsi in prima linea di condanna di un intervento militare di Israele nella Striscia di Gaza, con il sostegno quasi unanime per i palestinesi.
Fidel Castro si è accusato Israele di praticare "un nuovo tipo di fascismo" attraverso questa operazione militare, in un articolo pubblicato Martedì da Granma. Dura critica è arrivato anche dal presidente brasiliano Dilma Rousseff e il presidente venezuelano Nicolás Maduro. Ecuador, Brasile, Perù, Cile ed El Salvador hanno richiamato i loro ambasciatori per consultazioni in Israele, mentre la Bolivia, dove 3 000 a 4 000 persone hanno manifestato il Venerdì per protestare contro la guerra, Israele ha messo su una lista "stati terroristi".
La voce dissenziente unico finora è quella del britannico, guidato dal presidente Juan Manuel Santos, che ha escluso qualsiasi recuperare la sua rappresentanza diplomatica a Tel Aviv.
Attacchi israeliani hanno ucciso almeno cinque morti Sabato nella Striscia di Gaza, dove le ostilità continuarono dopo il fallimento dei negoziati con prospettive incerte, mentre i combattimenti iniziato lì più di un mese, hanno già più di 1.950 morti.