Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

giovedì 21 agosto 2014

Ha affermato lo Stato islamico Decapitazione di un giornalista americano

Secondo "Le Point.fr",
  VIDEO. In rappresaglia per gli attacchi aerei americani in Iraq, jihadisti sostengono di aver decapitato il giornalista James Foley, che è stato rapito nel novembre del 2012 in Siria.
Photo d'illustration.
Foto illustrazione. © Ahmad Al-Rubaye / AFP
L'ultra-radicali dello Stato islamico (EI) jihadisti ha affermato di aver decapitato un giornalista americano rapito in Siria e ha minacciato di uccidere l'un l'altro nel supporto aereo più diretto per la risposta degli Stati Uniti alle forze armate in Iraq. Questi estremisti sunniti, che seminano il terrore in Iraq e la vicina Siria, hanno perso terreno negli ultimi giorni nel nord dell'Iraq, compreso il controllo della diga di Mosul, dopo un'offensiva contro le forze armate e combattenti curdi sostenuti da incursioni massicce e droni aerei da guerra americani. Prima della partenza, l'8 agosto, il sostegno americano, IE aveva afferrato dal 9 giugno, gran parte del territorio a nord, ovest e ad est di Baghdad, e aveva avanzato alla regione autonoma del Kurdistan, prima di una impotenti e obsolete forze curde irachene esercito. Nato sotto un altro nome nel 2004 in Iraq, come il ramo iracheno di al-Qaeda, l'organizzazione poi tagliare i legami con esso dopo il suo coinvolgimento militare in Siria nel 2013 e si è guadagnato una reputazione come gruppo sanguinario impegnato esecuzioni stupro e persecuzione.
Un video pubblicato Martedì su Internet mostra un uomo che parla inglese con un accento britannico mascherato e vestito di nero, che sembra tagliare la gola del giornalista James Foley, che è stato rapito nel novembre del 2012 in Siria. Essa mostra anche un altro giornalista americano identificato come Steven Sotloff, minaccia di esecuzione se il presidente Barack Obama non si ferma attacchi aerei. La Casa Bianca ha confermato il Mercoledì pomeriggio, l'autenticità di questo video.
Messaggio per l'America
"Imploriamo i rapitori di risparmiare la vita degli altri ostaggi. Come Jim, sono innocenti. Essi non hanno alcun potere sulle politiche del governo americano in Iraq, Siria e altrove nel mondo", ha dichiarato Diane Foley.
James Foley, che per 40 anni è stato un giornalista esperto, copriva il conflitto in Libia prima di partire per la Siria per coprire la rivolta contro il regime di Bashar al-Assad per il sito di notizie americano GlobalPost, Agence France stampa e altri mezzi. "Siamo inorriditi diffondendo questo video - che non ha video beeThe, intitolato" Messaggio per l'America "., È stato girato in una zona desertica senza essere in grado di sapere dove È stata rilasciata dopo le dichiarazioni di Obama ha dichiarato l'intenzione" di perseguire una strategia a lungo termine "per la lotta contro la AR. suo omologo francese Francois Hollande ha anche annunciato in un'intervista a le Monde, avrebbe proposto una" iniziativa "nel mese di settembre sulla lotta contro l'IE", che prevede il finanziamento sostanziale e . armi sofisticate "n autenticate - e rivendicano l'omicidio di James Foley", ha detto l'amministratore delegato di AFP, Emmanuel Hoog.
Airstrike contro jihadisti
Campo a nord e ad ovest di Baghdad, le forze irachene sostenute da milizie sciite e tribù sunnite e la peshmerga (combattenti curdi), ha consolidato le loro posizioni dopo aver sconfitto i jihadisti, ma erano in fase di stallo Mercoledì. Le forze coinvolte a riprendere jihadisti Tikrit, ex roccaforte del presidente Saddam Hussein rovesciato e giustiziato, non sono ancora stati in grado di entrare. La ripresa di Mosul Dam, il più grande in Iraq, costituiva la loro vittoria principale finora. Secondo i funzionari curdi, un raid aereo americano di mira un incontro Mercoledì di jihadisti in una scuola nei pressi della zona della diga.
L'offensiva jihadista sulle centinaia run di migliaia di persone, compresi i membri del cristiano e di lingua curda Yazidi minoranza nel nord. L'esodo delle minoranze, molti dei quali hanno trovato rifugio nelle montagne del nord del Kurdistan o addirittura nei campi al confine siriano, ha causato una grave crisi umanitaria. Mercoledì scorso, l'Alto Commissario delle NU per i rifugiati lancia una delle sue "importanti operazioni di maggior sostegno per aiutare quasi mezzo milione di sfollati" di aria, terra e mare.
L'EI, che ha annunciato a fine giugno la creazione di un califfato islamico in aree che controlla cavallo in Iraq e Siria, è composto da ribelli sunniti che inizialmente hanno combattuto contro le forze americane e irachene in Iraq, ma poi è riuscito a reclutare migliaia di arabi e stranieri combattenti