Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 1 agosto 2014

La Libia diventerà la Somalia del Nord Africa?

Secondo "Algérie 360.com",
Libia si scende nel caos? Mentre aspri combattimenti infuriati per due settimane in aeroporto di Tripoli, un incendio enorme, innescato da un razzo, minacciando la capitale. Di fronte a questo deterioramento della situazione della sicurezza, gli stranieri in fuga dal paese.
Dopo la caduta di Muammar Gheddafi nel 2011, la Libia si decompone gradualmente. Come spiegato dal sito del Mondo ", nel 2011, dopo mesi di combattimenti e di intervento Nato, con attacchi aerei e sostegno segreto ai ribelli, la capitale libica è caduto nelle mani di una coalizione di brigate originari diverse città.
Ora, questi gruppi sono in lotta per il controllo della capitale, mentre gli altri competono in Cirenaica, con sullo sfondo la corsa per il controllo delle risorse petrolifere, la rottura o la distruzione di gruppi islamici armati, e una lotta di potere tra gli sponsor finanziari del Golfo (Emirati Arabi Uniti, in particolare), con il risultato di esporre il paese al pericolo di esplosione, come la Somalia nei primi anni 1990, quando gli alleati ribelli a cacciare Siad bar allora aveva devastato Mogadiscio e distrutto strutture statali ".
Due eventi sono ora temono un peggioramento della situazione nel paese: pesanti combattimenti in aeroporto di Tripoli, e un enorme incendio alla periferia della capitale.
La capitale libica minacciata da un enorme incendio
Un incendio scoppiato Domenica notte in un meridionale carburante magazzino di Tripoli. È stato causato da un razzo su un serbatoio contenente più di 6 milioni di litri di carburante, e poi diffuso in un altro serbatoio. Deposito totale di proprietà della società Brega contiene più di 90 milioni di carburante. La devastazione causata dal fuoco potrebbe essere considerevole.
Ieri, Lunedi 28 luglio la Libyan National Oil Company (NOC) ha annunciato che l'incendio era "fuori controllo", e il governo ha chiesto ai residenti di evacuare la zona. I vigili del fuoco hanno lasciato la scena, temendo una "esplosione" che sembra sempre più inevitabile.
Continua la lotta a Tripoli International Airport
Per due settimane pesanti combattimenti infuriava all'aeroporto internazionale di Tripoli. I combattimenti tra le brigate di Zintan (città del nord-ovest), che controllano l'aeroporto, e quelli di Misurata (a est di Tripoli), che cercano di prendere il controllo. Gli scontri hanno lasciato almeno 97 morti e oltre 400 feriti.
Evacuare paesi stranieri
Di fronte a questo deterioramento della situazione della sicurezza, stranieri evacuare il paese. Domenica 27 luglio, la Francia e il Regno Unito hanno chiesto ai loro cittadini di lasciare la Libia. Belgio, Turchia, Spagna e Malta avevano già ordinato i loro cittadini dal 16 luglio. Il personale dell'Ambasciata degli Stati Uniti a Tripoli è stata evacuata in Tunisia Sabato 26 Luglio.
Il governo libico, che non riesce a ottenere un cessate il fuoco, ha chiesto l'assistenza della comunità internazionale. Ma sembra che per il momento impotente contro l'implosione del paese.
La Libye deviendra-t-elle la Somalie de l’Afrique du Nord ?