Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

giovedì 14 agosto 2014

"Siamo tutti cristiani dell'Iraq!"

Secondo "Le Point.fr",
Due intellettuali francesi chiedono alla Chiesa di Francia ad adottare una forte e coraggiosa per i cristiani di posizione dell'Iraq.
Les réfugiés ont trouvé un abri précaire dans le camp de Bahirka à Erbil, le 12 août 2014.
I profughi hanno trovato rifugio in un campo precario Bahirka Erbil, 12 agosto 2014 © Ensar Ozdemir / Anadolu Agency

Par FRANÇOIS EUVÉ ET FRANÇOIS EWALD
Chiamare Rev. Georges Pontier, presidente della Conferenza dei Vescovi di Francia, il Cardinale Philippe Barbarin, arcivescovo di Lione, e la Chiesa di Francia.
A S.E Vescovo, a S.E Cardinale,
Sappiamo cosa si sta facendo per conto della Chiesa di Francia, per esprimere il sostegno dei fedeli cristiani dall'Iraq ora condannati come i peggiori momenti della storia, dovendo scegliere tra la morte, la abiura della loro fede o l'esilio. Il Cardinale Barbarin ha visitato l'Iraq, accompagnato dal Vescovo Dubost e padre Pascal Gollnisch. Con gli altri, egli mostra, ha mobilitato la solidarietà dei cristiani. Non dovremmo andare oltre?
La comunità cristiana in Francia, ci sentiamo cristiani praticanti, ma sia coloro che sono state sollevate nella fede cristiana, coloro che riconosce come costitutivo della loro identità, può voler pubblicamente e collettivamente raccogliere là di quanto ogni possibile in privato.
Vediamo tre ragioni per questo.
In primo luogo, la comunità cristiana non può rimanere passiva prima del martirio dei cristiani in Iraq. La Chiesa di Francia deve stare insieme contro il dramma iracheno. Questo supera professando impegni di solidarietà; si tratta di tutti coloro che si sentono i principi della fede cristiana, cattolici e protestanti, come una parte indispensabile della cultura della vita, individuale e collettiva. Qualunque sia la nostra pratica e la nostra mancanza di pratica, vogliamo esprimere il nostro impegno per la fede cristiana ei valori universali che esso esercita.
Questa mobilitazione è anche l'espressione comunione cristiana immediata ed espressa collettivamente. La virtù della fratellanza non può rimanere solo una virtù privata. Minacciare un cristiano in Iraq sta minacciando tutti i cristiani qui. L'espressione di una grande fraternità intorno ai cristiani iracheni - per non parlare della "Yezidi" - è costitutiva della loro difesa. E 'fondamentale sostenere azioni politiche future, diplomatica e militare che può essere perseguita. La loro importanza e l'efficacia dipendono.
La terza ragione è la speranza. L'esistenza di una forte comunità cristiana in Iraq testimonia (mostrato) un principio di tolleranza, rispetto reciproco per le convinzioni e la propria scelta, condizione indispensabile della pace e del buon vivere in un mondo aperto. Il principio di tolleranza reciproca dà il suo significato universale di mobilitazione dovrebbe e potrebbe ospitare comunità basate ogni volta ed esprimendo il loro desiderio di vivere insieme.
Lì non c'era tre motivi intransigenza urgente necessità di condividere un evento pubblico? In ogni caso, se la Chiesa di Francia ha preso l'iniziativa, si sarebbe unito a loro e siamo sicuri di non essere gli unici a sentire il bisogno di esprimere collettivamente e pubblicamente.
Euvé Francis, direttore degli Studi giornale
François Ewald, Professore Onorario alla Cna