Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

sabato 13 settembre 2014

Ebola: A Monrovia con i raccoglitori di corpi

Secondo "Le point.fr",
FUNZIONE. E 'sui cadaveri del virus è più contagioso. Sei squadre affrontano un rischio massimo, attraversano la capitale della Liberia per rimuoverli.
Di 
Abramo aveva sette anni, lui ansimando singhiozzi, aggrappato alla sua zia. Nelle sue braccia tiene la sua piccola sorella, Beatrice, 9 mesi, spaventato, compresi naso che cola sulla camicia. Katiatu Pallah, sua zia, le mani sciolto. E va. Un grande forma di cerchio intorno ai due figli, costituiti di persone in lutto silenziosi vicini e fischio.Abramo è stordito, ma quando finalmente decide di trasferirsi tutti indietro. Sua madre morì, falciata da Ebola. Due cosmonauti non vede i suoi occhi appena presentato il suo corpo, avvolto in un grande sacco nero nel retro di un pick-up. Siamo Banjor, un ex campo di rifugiati della Sierra Leone. E questo è esattamente la ventunesima volta la squadra di raccolta enti coinvolti in questa parte dello slum, quaranta case. "Alcuni sono stati completamente svuotati. Come quella, proprio dietro, guardare Venerdì Kiyee. Sette persone da una famiglia ..."
Venerdì è il capo della squadra numero uno, uno dei sei coordinato dalla Croce Rossa liberiana da marzo, quando la prima ondata di epidemia. Expediency, forse: ha lavorato in un obitorio che ha chiuso. Tutti morti oggi sono trattati come vittime di Ebola, per evitare il contagio. E il libro paga è interessante: 1000 dollari al mese, una fortuna in Liberia, anche se la squadra non è alimentato. Ma non c'è molto. "E 'importante che qualcuno è in carica, voglio aiutare il mio paese", dice. Date le condizioni di lavoro di quegli eroi in immersione, si è costretti a crederci. "E 'davvero non ci rende felici, di farlo", ha detto Elia Nimely, un ex studente di gestione di 26 anni e un membro della sua squadra. "A volte il corpo si trova in una pozza di vomito, sangue o diarrea." Si ricorda il giorno in cui ha rimosso diciassette corpi. Casi difficili che vedono ogni giorno, ma questo li muove.

Prove morbosa

Bendu Pallah morì lasciando due orfana: suo marito è fuggito quando si ammalò. Chi si prenderà cura di Abramo e Beatrice? "Non io, ho paura, forse hanno preso Ebola anche protestato Katiatu piangere. Che dimostra a me che non ce l'hanno, altrimenti non li prenderei." Non è improbabile che essere fornito con un certificato: questi bambini non hanno motivo di essere portato al centro di supporto di MSF, che non sono malati. Non ancora. Abramo prese cura di sua madre nei suoi ultimi giorni, e, a parte una morte Ebola, non c'è nulla di più contagioso di un malato terminale ... "Questi bambini saranno probabilmente morire di fame" Redoubt Kiyee Venerdì.
La paura e la negazione sono reazioni che squadre di becchini affrontare ogni giorno, così come la frustrazione causata da attesa: alcuni hanno a volte chiamato il numero verde 48 ore prima, di essere prelevati dal corpo. In principio, le persone hanno lanciato pietre contro di loro, le squadre sono ora accompagnati dalla polizia, che sta a distanza di sicurezza. "Finché non ci forniscono la prova che sia morto di Ebola, noi non crederemo," urla Lionel Depaul, 30, allora togliamo uno dei suoi amici nelle baraccopoli di Pensatore Village. "Secondo me, ha avuto la polmonite", dice. La tensione monta, un gruppo incolpa le foglie di squadra. Test, non è il suo lavoro.Questo è il caso di supporto squadra, che dovrebbe avvenire prima. Insolitamente, venne e fece un prelievo. Ma è raro che si abbia il tempo di tornare e informare il quartiere. Chi preferisce pensare che il defunto è morto di nulla ma Ebola.

"I tuoi cappe!"

Come la malattia avanza con il suo stigma guardiano che interessano anche i becchini. "Nella mia chiesa, tutti mi proibì di andare in chiesa, non vogliono che io avvicino" riflette Ebenezer Murbah, squadra numero uno membro. L'entourage teme che possono trasportare il virus mortale, anche se si prendono tutte le precauzioni.Quando arrivano in una casa, cominciano a spruzzo di cloro sulla scena e sul corpo prima di avvolgere in un sacchetto, si è cosparso e un altro, spruzzato di nuovo. Hanno poi spruzzare le auto che hanno toccato e la borsa contenente gli effetti personali del defunto, e, infine, la propria attrezzatura prima di rimuovere con attenzione. Per ciascun caso (un team gestisce circa sei al giorno), cambiano "DPI", il "Dispositivi di Protezione Individuale", con la sua maschera, il suo grembiule, guanti, il cappuccio, gli occhiali.
Queste misure riducono il rischio e rassicurano le squadre, ma la loro applicazione è appesa a un filo. Presso la sede della Croce Rossa liberiana, nel centro di Monrovia, il Segretario Generale Fayiah Tamba dispera schiacciato da problemi logistici. "Equipaggiamento di sicurezza è fondamentale, ma le compagnie aeree stanno chiudendo e si arriva in ritardo, abbiamo a volte ricevere stivali, guanti e talvolta non basta ... perché non siamo gli unici che hanno bisogno di PEP, MSF consuma un sacco ". Di notte, questo prezioso materiale la cui sopravvivenza dipende dal paese oscillato nel crematorio inceneritore maresciallo, fuori Monrovia. Questo è dove finiscono i becchini loro giornata in fumo acre, e che i morti vengono cremati Ebola."La falda è a un metro di profondità, non possiamo permetterci di seppellire e contaminare l'acqua", spiega Jean-François, architetto a MSF. Sono passati quindici anni da quando ha allinea la missione per l'ONG, ma questa è la prima volta che deve costruire forni crematori. Con l'impennata nei casi, come esiste per la comunità indù, è diventato del tutto inadeguato.
Stephen Rowden, responsabile per acqua e servizi igienici per MSF, è anche qui, ogni notte, per sorvegliare il ritorno della squadra di centro ELWA III, che ha portato undici corpi. La cifra più bassa della settimana. "Durante il giorno sul terreno, sono estremamente meticoloso, e qui sono rilassati," sospirò poi si fermò: "Tu hai le tue cappe di pelle esposta sul viso, si prega di girare! loro! " Alcuni suggeriscono che passa su questo dettaglio, "questa volta", Stephen è irremovibile: "E 'sufficiente che il fluido corpo su una delle borse, vi è una proiezione, chiunque nulla di essere contaminati! " Il lato della Croce Rossa liberiana, siamo più rilassati, il materiale viene rimosso con una temerarietà che ha scosso Stephen Rowden. Un team è stato in congedo, gli altri cinque hanno portato ventotto corpi. Per i trentanove persone in tutto, raccolti in Monrovia, quanti sono ancora in attesa in un angolo di una casa infetta? Kiyee per Venerdì, la giornata lavorativa è finita. Scherza con i colleghi e andò a casa prima del tour di domani. Purtroppo non è vicino ad essere disoccupati.
Risultati immagini per da Monrovia Ebola immagini