Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 12 ottobre 2014

Caduta di prezzi idrocarburi, prof Mebtoul avvisa il governo algerino..

Secondo "algerie.com"
"Se una caduta del prezzo del petrolio, il rischio di una bolla immobiliare in Algeria"
L'impatto della crisi finanziaria del 2008 non è ancora finita perché non affrontiamo la fondamentale, nonostante alcuni progressi Basilea III per sorvegliare banche, ma insufficiente per la mancanza di un approccio macro regolazione economica e globale complessiva. Quindi stiamo assistendo alla supremazia del settore finanziario sulla sfera reale la cui unica crediti dalle banche avvicinarsi al PIL mondiale (in Europa più di tre volte il PIL e paesi come paradiso fiscale lussemburghese più di 100 volte), con una maggiore concentrazione dal 2008.
Nel frattempo, non simbiosi tra performance economica e dinamica sociale, i bonus assegnati ai dirigenti della banca sono spesso più di tre volte il tasso di profitto nei settori produttivi. Inoltre, alcuni esperti prevedono bolle di bilancio con dilazioni così di debito sulle future generazioni a causa del successivo intervento statale per salvare le banche in fallimento, che hanno sostituito le bolle bancari, che possono amplificare la crisi globale, così come le nuove tecnologie all'urgenza della sicurezza di computer al fine di affrontare il rischio di diffusione della criminalità informatica. Questa crisi ha un impatto sull'economia algerina completamente esternalizzato via idrocarburi, il 98% delle entrate in valuta estera e il 70% delle principali esigenze delle famiglie e delle imprese e di contribuire oltre l'80% della spesa pubblica, il futuro conseguenza a causa di sussidi e trasferimenti sociali, 60 miliardi dollari o il 27% del PIL sarebbe una bolla immobiliare con la conseguenza sociale e politico.
Promemoria 1.- impatto della bolla immobiliare nel 2008
banche a- fatte mutui alle famiglie insolventi con poco o garanzie, con alti tassi di interesse.
b-Diffusione delle sofferenze sul mercato per rimuovere il rischio, le banche "cartolarizzano" i loro crediti, vale a dire, hanno tagliato il loro debito in prodotti finanziari a vendere sul mercato. La globalizzazione ha fatto il resto, la diffusione di questi titoli rischiosi nei portafogli degli investitori di tutto il mondo.
c fondi Hedge (hedge funds) sono stati grandi acquirenti di mutui subprime, spesso a credito per aumentare i loro rendimenti (fino al 30% all'anno), e riprodurre l'effetto leva, hedge fund prendendo il 90% dei fondi necessari.
d Sfogliando il mercato immobiliare americano: la fine del 2005, i tassi di interesse americani cominciarono a allora che il mercato finanziario è stato vacillando. Migliaia di famiglie non erano in grado di soddisfare le loro rimborsi conseguenti a perdite per le banche e gli investitori che hanno acquistato le obbligazioni visto il loro crollo valore.
e crisi di fiducia: le banche si sono trovate in una situazione in cui, come in una partita di poker, sanno quello che hanno nei loro bilanci, ma non quello che è negli altri, perché questi cattivi mutui sono stati acquistati in tutto il mondo e nessuno sa che cosa è la distribuzione del rischio risultante in una grave crisi di fiducia e dal luglio 2007, questo ha ridotto borse di studio e paralizza il mercato interbancario.
Banche F- fanno si prestano più o molto poco timore che le loro controparti sono in una linea rossa.
paralisi g-face nel mercato, la banca centrale è intervenuta massicciamente inizi di agosto 2007, iniettando centinaia di miliardi di dollari e di euro in contanti.
Come h- risultato con sonda di assorbimento per il periodo in corso, siamo andati dal debito delle banche ai debiti nazionali.
2 Il pericolo di una bolla immobiliare in Algeria
In caso di caduta dei prezzi degli idrocarburi, esaurimento delle entrate fondo di regolazione, e andando al depauperamento delle riserve (per lasciare un minimo se il dinaro sul mercato parallelo coterait più di 400 dinari per euro), le banche dovranno inevitabilmente aumentare i loro tassi di interesse, non può più essere ricapitalizzata tramite idrocarburi pensionistici, con il fallimento di molti cittadini che hanno acquistato abitazioni a tassi di interesse agevolati che possono causare vera e propria crisi sociale e politica. Questo è lo stesso effetto dell'impatto della crisi del 1986, quando negli anni 1989-1991 per i progetti approvati dal OSCIP, dove come un'approvazione promemoria richiesta la firma di tre ministri, dove il tasso di interesse è stato aumentato dal 5% al 15% con conseguente crollo di molti operatori privati​​. E 'la stessa situazione vissuta dagli Stati Uniti durante la crisi del 2008 e quella della Spagna, che ha sostenuto il BTPH (che tra l'altro in Algeria metodi di antica costruzione vengono utilizzati consuma una grande rotonda calcestruzzo, cemento e energia), che ha vissuto la peggiore crisi economica della sua storia. Ironia della sorte dopo la risoluzione della crisi degli alloggi senza una reale ripresa economica, con questa individualizzazione (una coppia non può vivere anche ospitato con 20.000 / 30.000 dinari netti al mese) il nido è disposto a grandi sfide sociali. Per ora diverse famiglie che vivono sotto lo stesso tetto, con un reddito familiare complessivo (stessa pentola, la condivisione degli oneri di acqua, energia elettrica, ecc ...). Questo riduce il deterioramento del potere di acquisto individuale e l'aumento del reddito familiare e il contributo consolidato alla coesione sociale.
Di qui l'importanza già per ragioni di sicurezza nazionale a pensare di riforme strutturali relative alla governance e la creazione di istituzioni appropriate accoppiati da una visione strategica per la riforma a lungo termine del sistema finanziario algerino compresa pubblico che si concentra più del 85% dei prestiti, problema di riforme potenza e polmonari. Questo determina la scelta di segmenti, in termini di vantaggio comparato, di costo-qualità sotto titoli internazionali (industria-agricoltura-Servizi), se vogliamo rendere il passaggio alla produzione e l'esportazione di olio stesso legato all'energia ed evitare di sprecare il tessuto produttivo transizione , il settore industriale rappresenta meno del 5% del PIL per andare al 15/20% almeno entro il 2020 Così attiro l'attenzione del governo è quello di prevedere -gouverner - il pericolo di una bolla immobiliare in Algeria durante una caduta del prezzo del olio inevitabilmente causerebbe una crisi sociale senza precedenti. Cinese vengono a comprendere limitare i prestiti immobiliari il cui BTPH è circa il 25/30% del PIL, anche a rischio di rallentamento dei tassi di crescita.
University Professor Dr. Abderrahmane Internazionale Expert Mebtoul