Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 31 ottobre 2014

Dichiarazione Bernard Emie, Ambasciatore di Francia in Algeria dopo aver consegnato le sue credenziali al presidente Bouteflika: "Questa è una nuova pagina che apriremo"

Secondo "Algeria 360.com"
Ho avuto l'onore di essere ricevuto da Sua Eccellenza Abdelaziz Bouteflika, presidente dell'Algeria, di dargli le mie credenziali. Mi sento molto orgoglioso di rappresentare la Francia in Algeria, questi paesi amici, i paesi partner che ci lega la storia così a lungo condiviso. Per la Francia, il rapporto con l'Algeria è uguale a nessun altro. E alla vigilia del 60 ° anniversario del 1 novembre 1954, misuro il vasto campo che prevede per il futuro del nostro rapporto.
Sono arrivato in Algeria con semplici e ambiziosi entrambi gli obiettivi: - di agire in linea con le decisioni prese dai due presidenti nel corso della visita di Stato del Presidente Olanda nel dicembre del 2012 per portare nel più alto relazioni di amicizia e cooperazione. - Abbiamo sempre coordinare più lavoro per la composizione delle crisi internazionali e regionali sia per noi che colpisce, tra cui il Mali e Libia.
- Rafforzare partenariato economico per attrarre investitori francesi in Algeria, ma algerino in Francia, co-localizzazione delle attività di produzione industriale nell'interesse dell'economia e della vostra collaborazione. Sono in Orano e in pochi giorni per partecipare all'inaugurazione del primo ministro Sellal la fabbrica Renault a Oran. Poi, in pochi mesi, come alla fine dell'anno, ci saranno Comitato di alto livello intergovernativo dove il primo ministro Sellal essere ricevuto a Parigi dal primo ministro Valls.
Ma è anche a: - sviluppare gli scambi culturali e l'uso del francese in Algeria. Questo linguaggio che abbiamo la fortuna di avere in comune. - Facilitare l'arrivo in Francia di studenti algerini che sono già 23.000. - Moltiplicare gli esseri umani, così ricco legami tra i nostri due paesi. Ci sono circa 350.000 algerini che verranno in Francia quest'anno e quasi 120.000 francese arriverà in Algeria nel 2014. E poi dobbiamo anche trarre vantaggio dalla diversità e la ricchezza della comunità algerina in Francia che ho un caloroso benvenuto e rappresenta oltre il 80% degli algerini che vivono all'estero, e per me, lavorare anche con decine di migliaia di vita francese in Algeria.
Ho discusso tutti questi problemi con il signor Presidente, che mi ha assicurato il suo pieno sostegno a questa azione proattiva e determinato che continueremo insieme.
Abbiamo parlato di corso regionale e il terrorismo, gli attacchi contro le quali combattiamo mano nella mano. Ho ringraziato il Presidente, e con tutto il popolo algerino per i messaggi di solidarietà provenienti da Algeria presso il rapimento e l'assassinio vile dei nostri compagni Hervé Gourdel.
E ho anche fatto notare come questa tragedia non deve separarci, ma per avvicinarci e condurci alla ancora più lavorare insieme per la pace e la stabilità nella regione. In totale, si tratta di una nuova grande pagina che dobbiamo aprire tutte tra l'Algeria e la Francia, una pagina in cui dobbiamo tenere a mente il passato, ma una pagina in cui possiamo scrivere come futuro molto luminoso.
Déclaration de bernard emié, ambassadeur de france en algérie après la remise de ses lettres de créance au président bouteflika : « C’est une nouvelle page que nous allons ouvrir »