Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 10 dicembre 2014

Wikileaks in versione marocchina semina confusione e dubbio .

Secondo "France 24"
Ultima modifica: 2014/12/08
Un account Twitter pubblicato dall'inizio di ottobre centinaia di documenti della diplomazia marocchina e funzionari del regno, presentati come segreti. Ma l'autenticità di alcuni di essi solleva domande.
Per diversi mesi, una versione marocchina Wikileaks piantagrane on line: in modo anonimo e documenti classificati segreti quasi ogni giorno vengono pubblicate su Internet. Questo è tra gli altri ordini di trasferimento e la corrispondenza riservata, interno al governo, che sono destinati a compromettere Regno del Marocco e la diplomazia.
Questo è l'inizio di ottobre @ chris_coleman24 conto ha infatti fuiter Twitter e altre piattaforme di storage di centinaia di documenti, alcuni risalenti diversi anni che coinvolgono i membri della famiglia reale, i ministri, gli affari esteri Salaheddine Mezouar (riconoscimento di influenza), i diplomatici, le aziende private, i servizi segreti marocchini della Direzione generale per la ricerca e documentazione (DGED) mentre accusandolo di corruzione e locali giornalisti stranieri.
O almeno così gli hacker dietro la @ chris_coleman24 pseudonimo sparare tutto e tutti, con la volontà di danneggiare la diplomazia marocchina.
Sahara occidentale nel cuore della questione
Attivismo politico o vendetta personale? Noi non lo sappiamo ancora. Ancora, un forte record di chris_coleman24 interesse @, quello della disputa sul Sahara Occidentale. Un territorio per cui il Marocco è in conflitto con il Fronte Polisario, il movimento che rivendica, con il supporto di Algeri, l'indipendenza dell'ex colonia spagnola dal 1975.
In effetti, la maggior parte dei cavi pubblicati dalla account anonimo, sottoscritto numerosi Twitter conti riferendosi al Sahara occidentale, si occupa di questo problema altamente strategica per il Regno. E fare particolare stato di tensioni tra Rabat e le Nazioni Unite (e l'inviato personale di Ban Ki Moon, il mediatore di questo conflitto, Christopher Ross) e anche alcune tensioni con l'amministrazione Obama.
Alcuni corrispondenza suggerisce che i funzionari marocchini corrotti diplomatici e giornalisti stranieri, tra cui francese, che con forza difendere la posizione di Rabat sulla questione del Sahara.
Radio Silence
Questo mirati disimballaggio spinto il Ministro degli Affari Esteri, Mbarka Bouaida, l'unica data di ufficialmente reagito, accusando gli "elementi del Polisario pro" di essere dietro il conto, con la complicità di Algeria.
L'autenticità di alcuni documenti, tuttavia, solleva questioni, come il silenzio assordante di funzionari marocchini in questo caso, che porta un certo modo minare la credibilità della diplomazia marocchina, anche se solo come un punto di vista proteggere i dati confidenziali.
Se Rabat per evitare di fare le onde pubblicizzando questo "Marocleaks" non c'è dubbio che i servizi segreti marocchini sono attivamente alla ricerca di mettere le mani su @ chris_coleman24. Nel frattempo, è lui che guida la danza.
Instillare dubbio
Alla fine di ottobre, il giornalista Jean-Marc Manach, specializzato in questioni di libertà e privacy, co-fondatore di Big Brother Awards, ha condotto un'indagine approfondita in materia. In un articolo pubblicato sul sito arretsurimages.net, conclude che "l'analisi di centinaia di documenti pubblicati dal misterioso corvo, (...), rivela che l'operazione, secondo le migliori regole del genere, fonde sapientemente documenti autentici e manipolato i documenti. "
Pertanto, Jean-Marc Manach giudicare il confronto con gli informatori come inappropriato Wikileaks. Quando è stato chiesto dal giornalista circa le ragioni del suo funzionamento, l'hacker ha infatti risposto al social network: ". Destabilizzare il Marocco" "Questo è anche il motivo per cui si distingue un informatore di un agente segreto. Il primo vuole arrivare alla verità. Il secondo è, se non il dovere, almeno preparati a gestire la verità, o anche creare false prove, e infondere dubbio "aveva concluso Jean-Marc Manach.
In termini di instillare dubbi, compresi i suoi scopi, la missione sembra compiuta per @ chris_coleman24 anche se non sorprendente rivelazione è ancora venuto a scuotere il palazzo.