Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 22 febbraio 2015

Algeria, la terra di pace per i rifugiati egiziani

Secondo "Algérie 360.com",
Il numero di rifugiati continua a crescere in Algeria. Nel 2013, ci sono stati più di 35 000 nigeriani, maliani e siriani. Questi rappresentano da soli oltre il 30 000. Oggi è egiziana in aggiunta alla lista.
Centinaia di cittadini egiziani vennero in Algeria, in fuga insicurezza in Libia, specialmente dopo l'esecuzione di 21 copti egiziani da parte di terroristi dello Stato Islamico (EI). Questi egiziani, molti dei quali sono muratori e operai, hanno scelto l'Algeria a stabilirsi in cerca di una vita migliore. Tra di loro molti hanno scelto Boufarik dove intere famiglie hanno trovato rifugio in case affittate dai algerini. Decine di loro arrivano al mattino presto la trama che comune a cercare lavoro.
Quando è stato chiesto, mi hanno spiegato che hanno unito il territorio algerino per terra, in particolare attraverso la frontiera algerino-libica, ma chiuso a causa dell'instabilità della zona. Sono stati costretti a lasciare la Libia dopo l'ascesa di gruppi terroristici, ma soprattutto dopo la barbara esecuzione dei 21 egiziani. E già massiccio flusso di cittadini egiziani, oltre a migliaia di profughi di guerra in Algeria. Oggi, diverse migliaia di siriani, maliani e nigeriani lì, in particolare nei campi profughi di confine, ma anche in città.
Gran parte dei rifugiati attraverso le strade della capitale, mentre altri hanno affittato appartamenti. Nel comune di Bouzareah, decine di famiglie siriane hanno affittato case stabilirsi famiglie. Secondo le loro dichiarazioni, che pagano una somma di 2.500 dinari al mese. Stazioni ferroviarie in stazioni urbane nel centro di Algeri, anche in tram nella capitale e in tutto le città, i profughi, la famiglia, accovacciati in tutto Algiers alla ricerca cibo e denaro. Le scene tristi.
Ieri, a famiglie di rifugiati siriani in Port Said Square, nel centro di Algeri, hanno cercato l'aiuto dei passanti. Venus Tartous dove il combattimento è intenso tra l'esercito siriano e insorti, siriano, il cui numero è in aumento, invaso Algeri e moschee. Il padre di questa famiglia, Hannah Abdoussalam Mahmoud, ha detto la loro sofferenza e di come lui e la sua famiglia, così come molti altri, ha vinto Algeri. "Siamo da Tartous, una città costiera 160 km dalla capitale Damasco.
In questa città, le proteste anti-Assad ha iniziato nel 2011, tra la fine di aprile ei primi di maggio. Oggi, la lotta infuriava tra l'esercito siriano e gruppi armati e l'esercito Nosra libera ", ha riferito ieri il padre, piange sulla situazione attuale della sua famiglia, il suo paese e la sua famiglia. L'uomo non sa cosa fare, è responsabile per cinque persone e deve sostenere se stessi.
La piazza è diventata uno spazio di siriani che ha salvato la pelle e ha vinto Algeri per mare, ma a quale prezzo! "Ho pagato un enorme risparmio i miei figli e mia moglie. Non posso dire come, ma decine di migliaia di libri che ho pagato per arrivare in Algeria dopo una sosta in Egitto e Libia ", ha detto il padre. Questa drammatica situazione dei siriani, che ancora non hanno lo status di rifugiati, ha generato finora, alcuna risposta ufficiale da parte dei nostri leaders. Nel frattempo, vivono sulla carità di cittadini algerini.
A Birkhadem, siriani sono scesi in moschee; El Biar, sono i negozi che sono il loro obiettivo. Lì, secondo diversi testimoni, i siriani, la maggior parte delle donne, ha parlato di proprietari di negozi per aiutarli a sopravvivere. "Le donne dotate di documenti e passaporti, hanno chiesto ai clienti e dare loro al proprietario del denaro," si fa ci ha detto.
Le scene tristi
Oltre ai siriani, altri profughi del Mali e della Nigeria, migliaia, invaso i confini e le città algerine. Rifugiati subsahariani occupato le strade, stazioni ferroviarie e altri luoghi pubblici in diverse città creando, in tal modo, una anarchia nelle aree urbane.
Il governo algerino ha promesso di sostenerli nei prossimi giorni, secondo il ministro della Solidarietà. Tuttavia, tra la promessa e la realtà sul terreno, vi è una differenza di dimensioni molti rifugiati sono lasciati al loro destino. Stazioni ferroviarie, centinaia di maliani e nigeriani stanno implorando il passaggio dei treni pendolari. I bambini, in particolare, i treni che solcavano a mendicare. La stazione ferroviaria di Aga in Algeri è un caso di palese figura. Decine di rifugiati ci vanno la mattina presto per iniziare una nuova giornata di accattonaggio.
Rifugiati fasulli Alert
Cavalcando l'ondata di profughi che cade sulla Algeria dal 2011, sempre più gli africani subsahariani cercando di sgattaiolare esso. Infatti, decine di profughi fasulli sono stati arrestati negli ultimi mesi a seguito di controlli effettuati dai servizi di sicurezza da parte confine algerino-maliana, impariamo fonti della sicurezza. La decisione finale è stata fatta pochi giorni fa, quando la polizia ha arrestato un cittadino del Ghana con un certificato falso rifugiato. La situazione allarmante di fronte per settimane frontiera Algeria-Mali, dopo l'intervento straniero in Mali, sembra giocare contro l'Algeria.
Peggio, i recenti scontri tra l'esercito maliano ei ribelli dell'MNLA hanno spinto circa 18.000 maliani ad abbandonare la città di Kidal e molti di loro hanno vinto la frontiera algerina, tra cui Timiaouine e Tinzaouatine (Bordj Badji Mokhtar). Oggi, lo spettro di rifugiati falsi piane del paese. Diverse fonti della sicurezza, ci sono già decine di rifugiati falsi arrestati al confine algerino-maliana.
Questi, ghanesi, maliani, nigeriani e anche i mauritani che hanno un certificato di rifugiato falso, ha cercato di vincere il territorio algerino, questo dato che l'esercito francese ha iniziato le sue incursioni in Kidal. Le stesse fonti aggiungono inoltre che attualmente le indagini sono iniziati per identificare gli africani arrestati, in particolare la possibilità che i terroristi sono in mezzo a loro. Tutti sanno che i tentativi da parte di gruppi affiliati ad AQIM e Ansar Dine Mujao cercando di infiltrarsi nel terreno algerino utilizzando false identità, ma anche cercando di passare per profughi in fuga gli scioperi dell'esercito francese.
Di fronte a questo pericolo "attesa", le autorità algerine hanno deciso di rafforzare la presenza militare, non solo per affrontare possibili attacchi terroristici, ma anche per rendere l'identificazione di molti rifugiati in fuga le città del Mali al sud dell'Algeria. Più di 2.800 gli africani sono stati trasformati di confine nel 2013 perché avevano usato falsi passaporti a Mali in questo paese. Il passaporto maliano contraffazione è oggi la "sesamo" per migliaia di africani che vogliono portare in Algeria, secondo fonti vicine al PAF e la GGF
L’Algérie, terre de paix pour les réfugiés égyptiens