Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

martedì 3 febbraio 2015

Perché l'Arabia Saudita non intende ridurre la sua produzione di petrolio? :L' Arabia Saudita è il carabiniere del mercato petrolifero.

Secondo "Reflexion"
Mentre OPEC sostiene per i prezzi del greggio rimangono una tendenza rialzista, tale proposta non fa per l'Arabia Saudita, che continua a difendere la sua politica per fare pressione su paesi come la Russia e l'Iran Stati Uniti. Anche a 20 dollari al barile, l'Arabia Saudita non abbasserà la sua produzione, e il mondo non vedrà mai Brent a $ 100. Perché?
POURQUOI L’ARABIE SAOUDITE NE VEUT PAS BAISSER SA PRODUCTION ? : L’Arabie Saoudite,  le gendarme du marché pétrolier

Anche a 20 dollari al barile, l'Arabia Saudita non abbasserà la sua produzione, il ministro del petrolio saudita Ali al-Naimi, ha detto. Oltre ad un cambiamento dell'ultimo minuto nella politica energetica dell'Arabia Saudita, a seguito della nomina di Salman a capo del paese, l'Arabia Saudita non cambierà il suo tasso di produzione, secondo alcuni esperti che credono che il mondo visto di nuovo Brent a $ 100.
Secondo Ali al-Naimi, che ha parlato alla rivista '' Medio Oriente Economic Survey, '' lo scorso metà dicembre, non è nell'interesse dei produttori dell'OPEC di ridurre la loro produzione, qualunque sia il prezzo, perché se l'Arabia Saudita ha cominciato a diminuire la sua produzione sono i paesi occidentali che escono vincitori in questa guerra dei prezzi del petrolio, "percentuali dei prezzi di distribuzione in aumento, e russi, brasiliani e US shale produttori di petrolio ci avrebbero prendere ", ha detto il ministro saudita. Spiegando che l'Arabia Saudita, come altri paesi del Golfo potrebbe facilmente resistere estremamente basso prezzo del petrolio al barile dal momento che il costo di produzione è da 4 a 5 dollari per loro. Viceversa, il costo di produzione US olio di scisto è stimato tra 70 e 80 dollari. "Saranno feriti prima che abbiamo sentito alcun dolore," cominciò.

Per sostenere i prezzi, era necessario che l'Arabia Saudita perde 800 milioni di dollari al giorno!
Quando l'Arabia Saudita ha deciso nel 1981 di ridurre drasticamente la propria produzione di petrolio per sostenere i prezzi scendono per un anno, l'80% dei ricavi del petrolio sarebbe letteralmente parti fumée.car aveva bisogno di un prezzo del petrolio di almeno 3 le cifre per la stabilità delle sue entrate petrolifere. CAD 8 milioni di barili al giorno a $ 100. Ciò rende il valore di 800 milioni di dollari al giorno.
Infatti, mentre la sua produzione di petrolio fino a 10,2 milioni di barili al giorno nel 1981-3800000 bpd nel 1985, in calo del 63%, i prezzi del petrolio sono diminuiti del 43% 105 dollari al barile a $ 60 al barile. Tutto sommato è quasi l'80% dei proventi del petrolio dell'Arabia Saudita, che sono scomparsi in quattro anni.
Quando il 27 novembre, mentre il prezzo del petrolio a 80 dollari al barile, l'Arabia Saudita deve decidere se lei dovrebbe amputare la sua produzione del 20%, vale a dire 2 milioni barili al giorno, i suoi vecchi demoni dei primi anni '80 sono stati richiamati per la sua buona memoria per suggerire che era allora per essere sicuri che l'aumento del prezzo del petrolio causato dal calo della produzione sarebbe almeno compensare questa mancanza per vincere - così ha bisogno di un 3 cifre dei prezzi del petrolio, almeno per la stabilità delle sue entrate petrolifere. 10 milioni di barili al giorno X $ 80 = 8 milioni di barili al giorno x 100 dollari.
Niente è meno certo con gli Stati Uniti la produzione di olio di scisto, che continua ad aumentare, ma anche quello della Russia, che vola record in record dopo la caduta dell'Unione Sovietica nel 1991. Arabia Saudita pagherà più lungo per l'altro. Lei preferisce lo scenario opposto, che rischia di concretizzarsi nel 2015 negli Stati Uniti, con l'esplosione di bolle olio di scisto, orfano di petrolio oltre $ 100 per continuare a gonfiarsi.