Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

giovedì 18 giugno 2015

Corso del processo Khalifa: Le politiche sospette

Il verdetto del processo Khalifa sarà effettuata il 23 giugno da parte del giudice penale di Blida, partenza deliberata da dopo quasi sei settimane di audizioni con l'imputato e testimoni e gli argomenti della difesa.
Una frase previsto e che sarà la misura di impegno del governo per la lotta contro la piaga della corruzione. Ma già a metà degli avvocati e all'interno della classe politica, che ricevono un sostegno in opposizione, non è fatto troppe illusioni su un verdetto che saranno conformi alle loro "previsioni".

In che confermerà, si dice, un "suggerimento" per terminare e più velocemente con questi scandali schizzato di governo negli ultimi anni. Infatti, si sostiene, un "processo farsa" non può che qu'accoucher un premio di "forma pura", in quanto la verità può mai sapere.
Ramdhane TAÂZIBT, MEMBRO DEL POLITICO UFFICIO PT: "Si tratta di un processo farsa '

"E 'un processo farsa solo perché Khalifa ha una grande responsabilità, ma sul banco degli imputati, ci sono un sacco di ragazzi di caduta. Il problema fondamentale in questi casi di corruzione che Sonatrach e Sonatrach II Khalifa, Est-Ovest autostrada e tutti gli altri che non sono stati resi noti, i leader politici di quei drammi che costano molto alla nazione godono dell'immunità dal momento che non sono giudicati.

Qualunque sia il verdetto, ci torneremo sulla nostra fame, perché non sapremo mai come un tale scandalo potrebbe verificarsi, e che ha lasciato decine di migliaia di vittime. Naturalmente noi, al nostro livello, la risposta, lo sappiamo: l'impero Khalifa non avrebbe fatto quello che ha fatto, senza la connivenza attiva dei politici a tutti i livelli politici dello Stato ".
Atmane Mazouz, RESPONSABILE DEL RCD COMUNICAZIONE "Giustizia sopraffare, essenzialmente capri espiatori"

"Che il caso Khalifa è preso sotto advisement dal giudice di dichiarare che il 23 giugno il verdetto sarà né giusto né credibile. Giustizia sopraffare, essenzialmente capri espiatori al posto dei veri sponsor. Come è il caso nel processo di casi di autostrada est-ovest e Sonatrach, c'è stato tutto il processo Khalifa a sessioni in cui l'obiettivo era l'occultazione di uno dei più grandi scandali secolo per evacuare finalmente periodi più bui dell'era Bouteflika.

Algerini e osservatori che hanno seguito il processo ritengono che la chiusura della parentesi di Bouteflika dove ministri e clan protetti coinvolti devono essere sulle spalle della nazione per mezzo di una giustizia soggetto e arbitraria.

La velocità con cui questi sono trattati casi di corruzione in un compromesso completo adempimento seriamente immobiliare in corso di sviluppo in regime laboratori. Un caso che schizzato e ha minacciato l'esistenza stessa dello Stato non può essere trattata con questa struttura e che incuria in un mese. Pertanto, il verdetto del processo sarà zero Khalifa di etica, morale e legale ".
Me fetta Sadat, BAR consiglio ALGERI: "L'opinione pubblica fame"

"Ritengo che siamo di fronte a una parodia della giustizia nella misura in cui la verità rimarrà sconosciuta del tempo gli istigatori di questo enorme scandalo finanziario stata alcuna preoccupazione e che, come al solito, le aree di ombra persistono e che un certo livello di responsabilità, che non è stato toccato dall'indagine giudiziaria.

Credo che il verdetto sarà pronunciata il 23 giugno coprirà i periodi di detenzione già scontato dagli imputati fino a quando il gioco è stato caratterizzato dalla divisione Atto d'accusa e che delle persone menzionate cioè continuare a godere dello status di semplici testimoni . L'opinione pubblica rimarrà affamato e, inoltre, si è già manifestata da rompendo questo processo resta una parodia della giustizia, perché non c'è la volontà politica di porre fine alla piaga della corruzione minando il Paese. "
Me SALAH Dabouz, PRESIDENTE DELL'UFFICIO LADDH NAZIONALE "Si tratta di un processo rapido"

"Credo che, nonostante il tempo che ci è voluto più di un mese, questo processo è stato accelerato perché tutti quelli presumibilmente responsabile di un caso del genere non si sono presentati in tribunale. Alcuni, tuttavia, chiamati come testimoni non hanno nemmeno presentato. Ciò che ci rende, LADDH, abbiamo quasi prendere la posizione del Forum per il monitoraggio e il coordinamento dell'opposizione (Isco) in quanto riteniamo che questo processo è solo un mezzo per chiudere questa cartella in modo rapido e quindi prevenire la giustizia internazionale che ha cominciato ad essere interessati. Noi crediamo che non sussistono le condizioni per un processo equo. "
Djillali Soufiane PRESIDENTE JIL Jadid "Power vuole spedire il caso Khalifa e tutti gli altri"

"Quando si basa su fatti da soli, si deduce che il caso è sentito prima del processo. Quando sentiamo un giudice dire che è troppo piccolo per portare un ministro, quando decine di testimoni non si presentano perché fanno parte del sistema, quando l'imputato principale si rifiuta di rivelare i nomi delle persone coinvolte senza che il giudice di andare oltre. Tutto questo è più che sufficiente per sostenere l'idea che il governo vuole spedire il caso Khalifa e tutti gli altri per seppellire gli scandali finanziari che hanno coinvolto i più alti funzionari del Paese. Finché giustizia non è indipendente potere, è quest'ultimo che continuerà a dettare verdetti ".
Youcef AOUCHICHE, RESPONSABILE COMUNICAZIONE FFS "Si tratta di un processo politico"

"Si tratta di un processo politico e che ci sia un processo equo in questo tipo di attività richiede che siano soddisfatte le condizioni di base: la giustizia indipendente, che non è il caso con noi, e l'esistenza contro poteri reali. Ci chiediamo per la coincidenza di questi studi, un vago desiderio di liquidare. La prima settaria, stiamo assistendo alla "teatro" come ministri, ma semplice citato come testimoni, non si degnò di comparire in tribunale. "
Déroulement du procès Khalifa: Les politiques méfiants