Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 7 settembre 2015

Gli Stati Uniti sono obbligati a rialzare i prezzi di petrolio, Riadh capitolerà Washington???

Durant-le-premier-trimestre-2015-les-exportations-algériennes-d-hydrocarbures-ont-atteint-23-4-millions-de-tonnes-équivalent-pétrole-592x296.jpgNon è nell'interesse dei produttori dell'OPEC di ridurre la produzione
L'attuale livello dei prezzi del petrolio penalizza fortemente le società statunitensi specializzate nella produzione di olio di scisto.
L'Arabia Saudita ha deciso di non fare nulla di fronte al crollo dei prezzi del petrolio. Secondo la sua strategia, ha sfidato l'altro nella stessa Opec, l'estrazione scisti bituminosi, non è più redditizio a partire da un certo livello di prezzo del petrolio sarebbe. Ciò spingerebbe gli Stati Uniti ad abbandonare lo sfruttamento di questa risorsa e quindi spingere verso l'alto i prezzi. Una posizione contestata da molti osservatori e nelle stesse, tra cui diversi membri dell'OPEC ha favorito una riduzione del loro tetto massimo di produzione per far fronte al crollo del prezzo del petrolio.
Il tempo sembra giocare a favore della posizione sostenuta dal leader del cartello. E 'in ogni caso confermato dall'intervista rilasciata da Bertrand Chokrane, economista francese al sito di informazione formato mondiale Sputnik. Secondo lui, gli americani sono spalle al muro. Essi devono fare di tutto per seguire il prezzo dell'oro nero. Questa è la storia del biter. Dopo essere stato lanciato nella produzione di olio di scisto, che ha portato inondando il mercato al punto di impatto minacciosamente sopra l'oro nero degli Stati Uniti avrà probabilmente a camminare indietro.
Alcuni paesi non meno sono già state colpite con l'esempio del Canada, che è entrata in recessione. Le economie dei membri dell'Organizzazione dei paesi produttori di petrolio, sono stati testati per la loro terribilmente. Algeria dovrà affrontare nel tentativo di aumentare la propria produzione e promuovere i settori non idrocarburici a rompere la sua dipendenza da oro nero. A loro volta, gli americani sono sull'orlo di una reazione magistrale se si crede dimostrare un esperto di fama internazionale. Sotto costrizione che vi aiuterà sollevare un barile di questa situazione a cui non sono estranei. Il motivo? L'attuale livello dei prezzi del petrolio, che è al di sotto dei 50 dollari penalizza pesantemente le società statunitensi specializzate nella produzione di olio di scisto. "Quando il barile scende sotto i 50 dollari, le società del settore dell'olio si trovano in situazioni molto diverse," inizia spiegando Chokrane Bertrand, economista e presidente della società di consulenza AC in un'intervista con il sito web di notizie Sputnik. Mentre subiscono le conseguenze nello stesso modo? L'esperto affina la sua analisi: "Tutto dipende dalle soglie di redditività e tecniche di estrazione.
Majors "sono ancora in utile. (...) Questo non è il caso di piccole strutture, aziende del gas di scisto o servizi petroliferi società, "dice. Che cosa succederà allora? "Gli Stati Uniti, che si concentrano sulla produzione di olio di scisto dal 2006, non può lasciare deprezzarsi come basse le loro scorte di petrolio", osserva Il boss di BC Consulting. "Questo è il motivo per cui i prezzi del petrolio non può che salire", dice Bertrand Chokrane. Una buona notizia che tenderebbe a rafforzare la posizione di Arabia Saudita ha deciso di passare i prezzi per contrastare la produzione di olio di scisto di Stati Uniti che ha allagato un mercato già gonfio.
Un'iniziativa che ha ampiamente contribuito a far scendere i prezzi di oltre il 50% dal giugno 2014. "Non è nell'interesse dei produttori dell'OPEC di tagliare la produzione, qualunque sia il prezzo ( ...). Si scende a 20, 40, 50 o 60 dollari, non è opportuno ridurre l'offerta ", ha detto, nel dicembre 2014, il ministro del petrolio saudita Ali al-Nuaimi, economico Medio Oriente Survey (Mees), una rivista specializzata autorevole nel mondo sui temi di gas e petrolio. Una posizione che avrebbe cominciato a dare i suoi frutti se ci si riferisce ai commenti del presidente di BC Consulting. Riyadh ha capitolerà Washington? Aspetta e vedrai .