Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 27 settembre 2015

Principe saudita sospettato di violenza sessuale arrestato a Los Angeles

Un prince saoudien soupçonné d’agression sexuelle arrêté à Los Angeles
Un principe saudita è stato arrestato a Los Angeles con l'accusa di aver aggredito una donna nella sua tenuta a Beverly Hills, ha detto Venerdì, 25 settembre la polizia locale. I testimoni avevano chiamato la polizia il Mercoledì, riportando di aver visto una donna di sangue chiede aiuto durante il tentativo di scalare il muro che circonda la casa, secondo il Los Angeles Times.
Il principe Majid Abdul Aziz Al Saud, 28 anni, ha trascorso la notte in carcere prima di essere rilasciato su cauzione Giovedi di 300.000 dollari (circa 268.000 euro). E 'accusato di violenza sessuale, sequestro di persona, violenza criminale e le minacce (minaccia per uccidere o ferire qualcuno). E 'stato convocato in tribunale il 19 ottobre, e rischia fino a otto anni di carcere e una multa di 10.000 dollari. Il Dipartimento di Stato ha detto di non avere alcuna segnalazione che possa beneficiare di immunità diplomatica.

Questa non è la prima volta che un membro delle monarchie del Golfo, che hanno molte proprietà di lusso a Los Angeles, ha problemi con le autorità. La scorsa settimana, un membro della famiglia regnante del Qatar, Sceicco Khalid bin Hamad Al-Thani, è stato interrogato dalla polizia di Beverly Hills dopo la trasmissione di un video che mostra una Ferrari gialla ad alta velocità segnali di stop incrocio e spazzolatura pedoni.

Messa in allarme dai residenti, la polizia ha determinato che era il proprietario. Circuiti ben noti, ha negato di essere stato al volante, ma affermavano beneficio dell'immunità diplomatica. Nel 2013, una principessa saudita è stato accusato a Los Angeles per aver trattato un lavoratore schiavo casa del Kenya. Le accuse contro Meshael Alayban erano stati infine abbandonati.