Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 27 novembre 2015

Attacchi in Tunisia: il gruppo dello stato islamico rivendica l'attacco

revendication.JPGIl gruppo Stato Islamico rivendicato l'attacco contro un bus di sicurezza presidenziale, che ha ucciso 13 persone martedì, 24 novembre.
Il gruppo Stato Islamico rivendicato l'attacco contro un bus di sicurezza presidenziale, che ha ucciso 13 persone martedì, 24 novembre, tra cui 12 membri identificati della sicurezza presidenziale. L'autore dell'attacco è un tunisino, identificato come "Abu Abdallah al-Tounissi" e dotato di una cintura esplosiva, che ha rotto nel veicolo e "si è fatto esplodere", secondo il testo .
L'autore dell'attacco è un tunisino, identificato come "Abu Abdallah al-Tounissi" e dotato di una cintura esplosiva, che ha rotto nel veicolo e "si è fatto esplodere", secondo il testo . Dodici ufficiali della guardia presidenziale sono stati uccisi Martedì nell'attacco.
Un corpo XIII è stato trovato sulla scena dell'attacco Martedì contro un bus di sicurezza presidenziale a Tunisi, e potrebbe essere il corpo dell'autore dell'attacco, ha detto Mercoledì il ministro della Salute . "Abbiamo 13 morti, 12 martiri (...) e qualcuno che non abbiamo ancora identificato. Potrebbe essere che si tratta di un terrorista ", ha detto detto Aidi al primo canale della televisione nazionale.
Il portavoce del ministero degli interni, Walid Louguini, ha confermato che si trattava dei resti tredicesimo stati identificati, rifiutandosi di commentare la possibilità che il colpevole dell'attacco. "Vogliamo dare informazioni precise", ha ha detto in televisione. I media tunisini hanno detto Martedì che l'esplosione è stata causata da un uomo che indossa una cintura esplosiva.
Mr. Louguini ha anche confermato che 20 persone sono rimaste ferite nell'attacco, avvenuto in ritardo Martedì pomeriggio nei pressi del viale Mohamed V, una delle principali arterie della capitale. La natura dell'esplosione non è stato ancora rivelato.
La natura dell'esplosione non è stato ancora rivelato, ma "questo è un oltraggio", ha detto il portavoce della presidenza Moez Sinaoui. Il presidente Caid Essebsi restaurato Beji lo stato di emergenza nel paese e ha introdotto un coprifuoco notturno in Greater Tunisi. La Tunisia ha affrontato dopo la rivoluzione di gennaio 2011 alla crescita di un esercito movimento jihadista responsabili della morte di decine di agenti di polizia e soldati.
Lo stato di emergenza reintegrato
Lo stato di emergenza è stato reintegrato Martedì notte in Tunisia dopo la morte di almeno 12 agenti di sicurezza presidenziale in un attacco contro il loro autobus nel centro della capitale. L'esplosione, avvenuta nel tardo pomeriggio nei pressi di una delle principali strade di Tunisi, "è un atto terroristico. Ci sono 12 martiri ", ha detto AFP Louguini Walid, il portavoce del ministero dell'Interno.
Inoltre, venti ufficiali sono rimasti feriti, uno gravemente, almeno secondo il Ministero della Salute. Tutti i morti erano membri della sicurezza presidenziale, hanno detto i funzionari. In un discorso televisivo, la sera, il presidente tunisino Beji Caid Essebsi, che ha cancellato una visita di Stato in Svizzera, ha annunciato che lo stato di emergenza è stato reintegrato su tutto il territorio. E 'stato revocato all'inizio di ottobre, circa tre mesi dopo l'attentato che ha ucciso 38 vicino a Sousse ed è stato rivendicato dall'organizzazione Stato islamico (EI).
Mr. Essebsi anche proclamato il coprifuoco sulla Grand Tunis "dalle 21:00 fino alle 5:00 di domani." Questa misura sarà in vigore "fino a nuovo ordine", ha detto a AFP il portavoce della presidenza, Moez Sinaoui. Una riunione del Consiglio di sicurezza nazionale è in programma anche per Mercoledì alle 10:00.
Estrema tensione
Sul luogo dell'attentato, vicino al Avenue Mohamed V-che era chiuso, un giornalista di AFP potrebbe vedere un grande autobus carbonizzato parte. Molte ambulanze, vigili del fuoco e polizia era lì, dove c'era estrema tensione. Diversi giornalisti sono stati aggrediti da poliziotti in borghese che hanno rifiutato la loro presenza sulla scena.
"La maggior parte agenti che erano in autobus sono stati uccisi", ha detto una fonte della sicurezza lì. Il ministero dell'Interno non era in grado di dire quante persone in totale erano a bordo del veicolo. Un impiegato di banca settore ha detto alla AFP ha sentito "una forte esplosione" e "ha visto il fuoco con l'autobus."
Il primo ministro Habib Essid e il ministro dell'Interno Najem Gharsalli andati lì. La sicurezza è stata rafforzata in Avenue Habib Bourguiba, situato vicino al luogo dell'esplosione e dove tra cui il Ministero degli Interni.
Questo nuovo attacco arriva pieno festival internazionale del film -la Giornate cinematografiche di Cartagine (JCC) - nel centro della capitale. Il suo direttore Ibrahim Letaief espresso il desiderio degli organizzatori di continuare Mercoledì. "Questo è l'unico modo per rispondere a queste azioni barbare", ha detto AFP.
All'estero, l'attacco è stato condannato "con la massima fermezza" dal presidente francese Francois Hollande. "A Tunisi e Parigi, è la stessa lotta per la democrazia contro l'oscurantismo", ha detto. Gli Stati Uniti anche "fortemente condannato l'attacco terroristico" di Tunisi, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Stato e ha assicurato che avrebbero continuato "a sostenere il popolo tunisino che cerca di costruire un futuro democratico e prospero per il suo paese ".
Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, in una dichiarazione unanime dei suoi quindici membri, chiamato a consegnare alla giustizia i responsabili e gli sponsor di questo "atto di odio". Il segretario generale Ban Ki-moon ha condannato l'attacco. "Le Nazioni Unite continuerà ad essere con il popolo tunisino nella loro lotta contro il flagello del terrorismo e dei suoi sforzi per consolidare e rafforzare la democrazia", ​​ha detto Ban Ki-moon.
Un pastore decapitato
La Tunisia ha dovuto affrontare da quando la sua rivoluzione nel gennaio 2011 ad un aumento del movimento jihadista, responsabile della morte di decine di soldati e poliziotti. Quest'anno, due attacchi rivendicati da EI hanno ucciso 59 turisti stranieri e un poliziotto a Sousse nel mese di giugno e nel Museo del Bardo a Tunisi nel mese di marzo.
Il Ministero degli Interni annuncia periodicamente arresti di sospetti jihadisti. Sette donne accusate di essere propaganda EI sono stati recentemente arrestati, mentre le autorità hanno annunciato di aver arrestato una ventina di persone che hanno pianificato, si dice, gli attacchi contro alberghi e "edifici sicuri".
Ci sono dieci giorni, un giovane pastore è stato decapitato da jihadisti sul Monte Mghilla (centro ovest). Un gruppo ha sostenuto che l'omicidio in nome di EI, accusandolo di aver servito come informatore alla polizia. Le autorità hanno confutato questa accusa e ha assicurato che l'adolescente era stato ucciso per essersi rifiutato di consegnare i suoi animali per i jihadisti.
Una operazione militare è stata lanciata in seguito nella zona di Monte Mghilla, uccidendo almeno un soldato e quattro sospetti jihadisti, secondo le autorità. La Tunisia ha migliaia di cittadini che combattono nelle file dei gruppi estremisti in Iraq, Siria e Libia. Le autorità dicono in particolare soffrono la situazione nella vicina Libia, dove il caos ha permesso l'emergere di EI. Hanno avviato la costruzione di un muro di confine.
Questo intervento include un file multimediale audio / video / immagine: Scarica adesso