Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

giovedì 5 novembre 2015

Grappolo Biotecnologico: algerini e americani prendono nota.

PHRMA-500x214.jpgIl famoso complesso algerino-americano mega biotech di diversi miliardi di dollari, da installare presso la nuova città di Sidi Abdallah, sembra rivivere.

Una delegazione dell'Associazione PhRMA (ricerca farmaceutica e Manufacturers of America), che rappresenta le maggiori aziende farmaceutiche attivano nel campo delle biotecnologie negli Stati Uniti, è stato ricevuto questa mattina dal Ministro della Salute e della Popolazione della riforma ospedaliera, Abdelmalek Boudiaf.

Secondo un comunicato del ministero, le due parti hanno discusso lo sviluppo del partenariato nel settore della Pharmaceutical Manufacturers e attuazione di azioni precoci che contribuiscono alla creazione di un cluster biotecnologico in Algeria (Algeria Vision 2020 del progetto ). Siamo quindi nella fase attiva di questo mega progetto unico nel suo genere nel Nord Africa e il secondo in Africa.

La delegazione statunitense al ministro

La delegazione statunitense guidata dal direttore esecutivo della PhRMA nella regione MENA, signor Samir Khalil, è stato accompagnato dal Presidente del Consiglio di algerini-American Affairs (USABC), Smail Chikhoune, cercando da anni per portare gli investitori Stati Uniti in Algeria.

Il ministro della Salute non ha mancato di sottolineare ai suoi ospiti la "enormi" potenzialità del mercato algerino, che "non solo elevata capacità di assorbimento, ma contiene anche un deposito di competenze accademiche e del lavoro-d Il lavoro descritto in aggiunta alla sua posizione strategica vicino ai mercati europei e africani. "

Da parte loro, i rappresentanti PhRMA erano desiderosi di mettere in evidenza il fatto che la loro presenza in Algeria deriva dalla loro volontà di stabilire una presenza duratura in un mercato in crescita, in termini di "accesso universale di cui gode la popolazione algerina ". Non solo perché gli Stati Uniti ha elogiato le "risorse Università" del Paese e della sua applicazione "geografico", che sono tutti fattori chiave per il successo dei propri investimenti.

Un mega resort a Sidi Abdallah

In questa prospettiva, il dottor Samir Khalil ha informato il ministro della Sanità, che "molti progressi sono stati compiuti dopo l'ultima riunione di maggio 2015 e che le riunioni mensili di gruppi tematici ha consentito di disegnare un programma di attuazione contenuti pratici del protocollo d'intesa firmato tra il governo algerino e il gruppo PhRMA a San Diego (USA) nel 2014 ".

Entrambe le parti hanno quindi convenuto di intraprendere una "valutazione preliminare" di questa implementazione alla fine del primo trimestre 2016. Riflettendo l'interesse delle imprese americane ad investire in Algeria, il direttore esecutivo della PhRMA Algeria ufficialmente invitato a partecipare al prossimo Congresso Mondiale di Biotecnologie (Bio 2016) che si terrà il prossimo giugno a San Francisco, negli Stati Uniti.


Questo intervento include un file multimediale audio / video / immagine: Scarica adesso