Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 20 dicembre 2015

La sfida oggi è quella di superare la crisi e costruire una "economia forte e diversificata"

Il primo ministro Abdelmalek Sellal ha detto Sabato a Setif, la sfida oggi in Algeria è quello di superare la crisi con la costruzione di un "forte e diversificata" rischio economico "per subire lo sconvolgimento" che ha visto la economia globale nel suo complesso.
"La sfida oggi è quella di superare la crisi, costruire un'economia diversificata, forte e leale. Non abbiamo scelta: cambiamento e di riforma o soffriamo e subiamo ", ha detto in una dichiarazione Sellal per APS a margine della sua visita di lavoro a wilaya di Setif.
"Non possiamo restare ai margini o ignorare gli sconvolgimenti e le trasformazioni dell'economia mondiale. Siamo condannati a adattarsi alla tendenza globale o subire gli orrori e le conseguenze ", ha sottolineato il primo ministro.
"Abbiamo deciso di riformare noi stessi e andare avanti, invece di rimanere nello status quo e di sperperare le nostre risorse da utilizzare in seguito, l'indebitamento del Fondo monetario internazionale (FMI)," ha ha spiegato.
Il primo ministro ha detto, in questo senso, "il riorientamento dell'economia nazionale è una necessità e un obbligo imposto dalla situazione economica internazionale."
"Siamo condannati ad avviare rapidamente profonde riforme per mettere le basi di un'economia competitiva e diversificata, in grado di sollevare la dipendenza del paese dal petrolio", ha sostenuto.
Per Sellal, "le misure adottate dopo la caduta del prezzo del petrolio sono progettati per proteggere l'economia nazionale e dare nuova vita, preservando i diritti sociali dei cittadini".
Egli ha osservato, a questo proposito, che "l'uguaglianza è un motore di competitività", dicendo che la sfida è quella di rendere l'Algeria un "paese emergente nei prossimi due anni".
Sellal ha sostenuto che il caso di "un obiettivo e una sfida dobbiamo riuscire insieme:. Governativi, operatori economici e dei cittadini"
"Questo è un requisito economico e un dovere patriottico", ha sostenuto, aggiungendo che i cittadini rimangano "la preoccupazione principale ed essenziale delle autorità."
"Noi siamo al servizio dei cittadini. E 'un dovere e una missione "," ha concluso il primo ministro, invitando algerini a "difendere l'unità e la sovranità del paese e i valori del lavoro.

Questo intervento include un file multimediale audio / video / immagine: Scarica adesso
sellal-elmaltais.jpg