Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 1 gennaio 2016

Rafforzare la lotta contro il terrorismo: la criminalizzazione del fenomeno di combattenti stranieri

e2e17c28374132786f9afc71569c12b1_L.jpgI miglioramenti al codice penale proposto nel progetto di legge discusso Mercoledì in occasione del Consiglio dei ministri vengono criminalizzare e punire la partenza di cittadini algerini o stranieri residenti in Algeria, in un altro Stato, a commettere o in treno a commettere atti terroristici.
I miglioramenti offerti da questo disegno di legge vengono prima incriminare e punire "la partenza di cittadini algerini o stranieri residenti in Algeria, in un altro Stato, a commettere, incitando o treno a commettere atti terroristici, il finanziamento e l'organizzazione delle operazioni di viaggiare in uno Stato, per le medesime finalità di cui ", dice il comunicato del Consiglio dei Ministri presieduto dal Presidente della Repubblica Abdelaziz Bouteflika.
Questi atti sono commessi, "attraverso la tecnologia dell'informazione e della comunicazione o con altri mezzi", dice la nota.
E 'anche la colpa e punire "agisce reclutamento per conto di associazioni, organizzazioni o gruppi terroristici, il supporto per le loro azioni, e la diffusione della loro ideologia con gli stessi mezzi."
Inoltre, questo disegno di legge contiene disposizioni relative ai "siti di monitoraggio e di neutralizzazione e messaggi di posta elettronica relativi a attività terroristiche, una missione che sarà sostenuto dal Corpo nazionale di prevenzione e lotta contro i crimini legato alla tecnologie dell'informazione e della comunicazione, e mise il corpo appena creato al Ministro della Giustizia, sigilli guardia ", dice uno.
Il progetto di legge che integra ordinanza n 66-156 dell'8 giugno 1966, relativa del codice penale, presentato dal ministro della Giustizia, ministro della Giustizia, Tayeb Louh, che rafforza "i mezzi a disposizione del nostro Paese combattere il terrorismo, anche parte della volontà della comunità internazionale per la lotta contro questo flagello ", nota la stessa fonte.
Questo desiderio della comunità internazionale si riflette nella risoluzione adottata 24 settembre 2014, dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, di "combattenti stranieri reclutati da reti criminali che trasmettono le loro ideologie grazie alle nuove tecnologie informazione e comunicazione ", è ancora indicato.
Pertanto, si prevede di adeguare il quadro normativo nazionale, gli impegni internazionali in materia di lotta contro il terrorismo e aumentare le sanzioni contro il fenomeno dei "combattenti stranieri", quegli algerini in Algeria o quei residenti che passare alla all'estero a commettere atti terroristici e sovversivi.
Il testo criminalizza anche gli atti di finanziamento e l'organizzazione delle operazioni di spostamento in un altro stato, reclutando a nome di associazioni, enti, gruppi o organizzazioni terroristiche o di sostegno di atti o attività o diffondere la loro ideologia utilizzare le TIC o qualsiasi altro mezzo.
Questo nuovo fenomeno di "combattenti stranieri" è spesso incorniciato da reti criminali che trasmettono la loro ideologia estremista, anche attraverso le nuove TIC.
Le modifiche proposte derivano dall'esperienza algerino nella lotta contro il terrorismo. "Questa esperienza si basa su un approccio globale che combina politico, giuridico e di sicurezza".
L'Algeria ha contribuito agli sforzi della comunità internazionale nella lotta contro il terrorismo. Tuttavia, è chiaro, che negli ultimi anni il fenomeno ha continuato a crescere in molte parti del mondo, specialmente a causa di fattori endogeni ed esogeni che hanno portato alla destabilizzazione di alcuni stati da zone di conflitto in cui i cittadini diventano ricchi di diversi paesi a prendere parte ai combattimenti che si svolgono lì.
Questo intervento include un file multimediale audio / video / immagine: Scarica adesso