Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 25 febbraio 2015

Lahouari Addi incontra detto Sadi, Boussouf, Ben Bella e Boumediene "ha avuto la passione di Algeria"

Dopo la pubblicazione dell'intervista che detto Sadi ha dato la scorsa settimana a Liberty University Lahouari Addi, citato da l'intervistato, il giornale ha inviato un contributo risposta che pubblichiamo integralmente di seguito.
In un'intervista con il detto Sadi vostro giornale del 4 febbraio 2015, sono stato sorpreso di leggere che le persone che avevano criticato le sue affermazioni circa Messali Hajj e Ahmed Ben Bella sono in Occidente. Il mio nome è stato menzionato insieme a studiosi e politici come Daho Ould Kablia, con l'insinuazione che noi formiamo una rete che sostiene il regime di Bouteflika da affinità regionalisti. A questo punto, credo che i limiti della decenza sono superati e che il risultato principale della storica FLN, la coscienza di unità nazionale, è stato malmenato. Il pubblico aveva il diritto di aspettarsi una migliore Saïd Sadi che è stato sempre presentato come un vettore nazionale potenziale leader di un progetto modernista per il paese. Accusare gli storici Malika Rahal e Daho Djerbal riconosciuti per il loro lavoro accademico in Algeria e all'estero, il regionalismo, rientrano invece nella misspoke se il testo non è stato scritto così premuroso.
Su di me, non ricordo i miei lettori Daho Ould Kablia polemica pubblicato da Le Soir d'Algeria 24 luglio 2008 o che non ho mai fatto una campagna per Bouteflika come fece Saïd Sadi. Ma non è questo il vero problema, dal momento che un individuo può fare errori e realizzare successivamente.
Ho avuto l'opportunità di dire che detto Sadi aveva ragione di scrivere i leader del movimento nazionale e lo deve congratularmi per il suo libro su Amir colonnello, eroe della guerra di liberazione nazionale, il regime Boumediene era una sepoltura privata alle sue dimensioni. E ho anche detto in una conferenza presso l'Università Mouloud-Mammeri a Tizi Ouzou (pubblicato da Le Soir d'Algeria 28 Giugno 2010), e anche in risposta a Said Sadi (Le Soir di Algeria da 6 set 2010) che la sua ipotesi che Amir è stato vittima di una cospirazione da parte del "arabo" di ostilità verso "Cabilia" è inaccettabile e pericolosa sulla mappa storica politicamente. Getta scompiglio tra le generazioni più giovani che abbiamo il dovere di trasmettere l'ideale di unità nazionale che abbiamo ereditato proprio Amir Ali Kafi, Ben Bella, Abane Ramdane, etc.
E 'probabile che il colonnello Amir ceduto a un complotto andando a Tunisi con il colonnello Se El-Haouès per portare la parola di combattenti interni. Che cosa era insopportabile per la leadership FLN installato all'esterno è qu'Amirouche divenne praticamente il capo nazionale della macchia, non solo Wilaya III. È infastidito i funzionari a Tunisi che non hanno accettato il principio del Congresso Soummam sul primato degli interni verso l'esterno.
Si tratta di una lotta politica all'interno di un movimento in cui il conflitto ideologico, clan e per interposta persona sono state esacerbate. Questo non è specifico per la rivoluzione algerina, ed è noto che le rivoluzioni divorano i loro figli migliori Robespierre fu ghigliottinato e Trotsky assassinato. Che è, inoltre, inquietante è che Amir detto Sadi ha fatto un leader Cabilia, in quanto egli è un eroe nazionale che appartiene a tutta l'Algeria. Che Cabilia è orgogliosa di aver dato al paese un nazionalista di questa portata, è legittimo; ma è usato in un outbidding nazionalista è inquietante.
Come un accademico specializzato in sociologia politica, ho condotto il lavoro critico, tra cui il populismo di Carlito apparso ad Algeri nel 1990, senza compromettere il nazionalismo algerino e il regime risultante nel 1962. Alcuni trovati mi è stato difficile in mie analisi su matrice "sistema Boussouf" di questo regime, anche in una sedia a rotelle, non rende la transizione verso lo stato di diritto. Ma non ho mai considerato Boussouf, Ben Bella e Boumediene come traditori.
Piuttosto, sono convinto che questi leader hanno avuto una passione per l'Algeria, sono patrioti sinceri che il fervore nazionalista accecato al punto che i loro interessi politici confusi con quelli del paese. Essi sono identificati da Algeria, al punto che qualsiasi opposizione al loro punto di vista è stato considerato una opposizione alla nazione. Si chiamavano traditori tra loro e quelli che non sono d'accordo con loro. E 'la loro cultura politica, una cultura plasmata dall'odio che avevano per il sistema coloniale.
È sbagliato e pericoloso per demonizzare Ali Kafi e Ben Bella e idealizzante Abane Ramdane e Amir. Per tutti questi leader apparteneva al sistema operativo e l'ala radicale che ha creato il FLN. Il loro movimento è stato basato sul populismo rivoluzionario che non accetta la differenza populismo ideologico che hanno aderito la maggioranza rurale nella società, non strutturati e abusato da un sistema coloniale brutale. Questa società ha dato la maggioranza su cui si sono affidati a loro, in modo che lei rifiutava Ferhat Abbas che aveva un senso di prospettiva storica. La situazione sociologica e culturale ha dato origine al populismo autoritario incarnato Che Krim Belkacem, Ben Boulaïd, Amir, etc. L'analisi storica del movimento deve essere condotta con un approccio sociologico e non psicologica. Questo non è un buon tema nazionalisti regionalisti contro il male; è piuttosto un tema di limiti ideologici del movimento nazionale nel suo complesso.
Come cittadino appartenente ad una generazione successiva di loro, ritengo questi limiti, pur avendo rispetto per Amir, Boussouf, Ben Bella, Ali Kafi ... e cerco di trasmettere a chi mi legge la ideale di FLN storica portarono, aggiungendo la politica della cultura moderna intellettuale che mancava: lo stato di diritto, la cittadinanza, la democrazia, il soggetto di diritto, la tolleranza, la libertà di coscienza, parità tra uomini e donne, ecc
Concludo dicendo che c'è un'idea insidioso circola in alcuni ambienti ad Algeri che l'Occidente non ha pienamente partecipato alla guerra di Liberazione. Questo non perché Yves Courrière, che è purtroppo l'unico corpo sulla Guerra di Liberazione, non ha incontrato i combattenti della resistenza Relizane, Mascara, Oran, Tlemcen, Nedroma ... non c'era macchia in Occidente.
Uno dei più grandi battaglie della NLA, dove esercito coloniale aveva perso decine di soldati, è stato quello condotto da Mourad battaglione guidato dal compianto comandante Moussa della Wilaya IV nel mese di ottobre 1956. E ' non da solo. Ho appena ricevuto un libro che ho ricevuto dal Moudjahed Mohamed Freha la guerra di Liberazione in Oran. (Oran: il movimento nazionale per la guerra di liberazione, edizioni Al Oulfia Talita, Volume I, 408 pagine, Volume II, pag 417, 2010), in cui ha fatto un lavoro certosino da studiando attentamente gli archivi a disposizione della wilaya, alla polizia, nei giornali del tempo, intervistando i sopravvissuti e le famiglie dei martiri della città. In questa ricchezza di informazioni, il lettore apprende che non ci sia stata una settimana tra il novembre 1954 e il marzo 1962, quando non ci sono attacchi e attacca fida contro le forze di ordine, arresti, disturbi, proteste. La battaglia di Oran era costantemente fino all'indipendenza.
L'esercito coloniale e la polizia avevano tregua, nonostante smantellamento "reti terroristiche" successivi annunciate dai giornali. Cellule urbane Fida dice Freha, ha avuto una vita media compresa tra 3 e 6 mesi. Non appena sono stati distrutti dalla polizia coloniale, erano di nuovo in piedi con i nuovi dirigenti della macchia regioni NLA Sig de Perregaux, Mascara, Ain Temouchent, etc. La missione di queste cellule è stato quello di installare l'insicurezza a Orano di fissare il numero massimo di soldati per ridurre la pressione militare sulla bussola della regione.
In conclusione, vorrei dire che la memoria dei martiri di Cabilia, Aures, Tuat, montagne di Tlemcen ... deve essere mantenuto in vita e mantenuto dalla ricerca storica e litigi personali remoti.
LÀ.
(*) Università