Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 2 febbraio 2015

L'Arabia Saudita aumenterà i prezzi del carburante, Algeria incentivo a farlo

Secondo "Algérie 360.com",
Algeria non figura nello studio della Banca mondiale pubblicato nel "Bollettino Trimestrale di informazioni economiche nella regione MENA," ma è ovvio che si tratta di una parte dei "perdenti" dei prezzi del petrolio in calo.
Le autorità hanno, loro stessi, ha preso atto del fatto che vi è ora una "crisi dei prezzi", la cui durata è ancora imprevedibile. Ma lo studio esamina il caso dei paesi popolosi cui situazioni sono simili o vicino all'Algeria, come l'Iran, l'Iraq, dove il petrolio è essenziale per la spesa pubblica e l'economia in modo globale.
"Una forza di gravità senza precedenti ..."

In generale, la carta si raffredda un po 'di speranza espresse in Algeria per partecipare a un raduno dei prezzi del petrolio in sei mesi, notando che nel mercato dei futures, i prezzi del petrolio disponibili nel mese di agosto 2015 è stato di 56 dollari. "Non c'è motivo di aspettarsi una ripresa dei prezzi del petrolio."

"La gravità della caduta del prezzo del petrolio è quasi senza precedenti - secondo solo a quello del 2008, quando i prezzi sono aumentati da 148 dollari a 40 dollari al barile", dice lo studio individua tre motivi addotti per il crollo del prezzo: aumento della produzione statunitense di scisto olio, cambiamento di politica nei confronti dell'OPEC difendere la quota di mercato e la domanda globale in definitiva debole a causa della crescita globale lenta.
Uscire quindi un aumento dei prezzi del petrolio in un breve orizzonte. Ma mentre il governo algerino ancora non prevede un aumento dei prezzi dei carburanti e dell'energia in generale, lo studio dimostra che la rimozione dei sussidi energetici e di carburante è una delle risposte alla stati petroliferi del forte calo delle entrate.

Anche l'Arabia Saudita, con le sue riserve di 700 miliardi di dollari ", si prepara ad aumentare i prezzi di energia e di carburante e di aumentare la redditività del reddito dei prodotti non petroliferi, in particolare attraverso le tasse e oneri".

Lo studio FMI cita come un passo positivo che il "parlamento" di Tripoli ha intenzione di "eliminare i sussidi per i combustibili fossili," una misura che potrebbe contribuire ad aiutare lo Stato vicino il crescente divario tra spese e ricavi.

"Inevitabile"

Iran, soggetto a sanzioni, ha già iniziato il movimento verso adeguamento dei prezzi interni.

L'aumento, progressive, i prezzi del carburante e di energia elettrica è regolarmente raccomandato dagli esperti algerini per ridurre la spesa pubblica e anche affrontare lo spreco di energia e di carburante nel traffico.

Recentemente due economisti hanno sostenuto un "aumento di un graduale ma sostanziale," il prezzo della benzina a "togliere il sussidio ingiusto" e "riduzione dei consumi energetici e dei rifiuti."
L’Arabie Saoudite va augmenter les prix des carburants, l’Algérie incitée à le faire