Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 30 dicembre 2015

"Il New York Times" si chiede: Chi gestisce l'Algeria?

--wq.jpgUna lotta di potere nel cerchio interno che ha governato l'Algeria per decenni trasformato in una rivelazione nelle ultime settimane con le accuse di un colpo di stato di velluto, mentre le questioni intensificano per la salute dei il presidente Abdelaziz Bouteflika.
Le rivelazioni quasi quotidiane hanno sia incuriosito che preoccupato come algerini e fanno temere che vanno ben oltre quel paese del Nord Africa, il cui olio riserve e relativa stabilità hanno fatto un baluardo fondamentale contro i movimenti jihadisti invadenti nella regione.
La salute del signor Bouteflika, 78 anni, è così incerto, dopo due attacchi negli ultimi anni che anche un gruppo dei suoi più stretti collaboratori di primo piano richiedeva pubblicamente per vedere per assicurarsi che prende sempre decisioni. Il presidente rimane così isolato che nessuno di loro lo ha incontrato per oltre un anno.
Accorciare un incontro, che non è stato realizzato, i sospetti sono aumentati che una cricca nella cricca dominante, guidata dal fratello del presidente, ha detto Bouteflika, ha effettivamente fatto un colpo di stato interno e governato il paese nel nome Presidente.
"Abbiamo la sensazione che il presidente è stato rapito dal suo entourage immediato", ha detto Lakhdar Bouregaa, uno di quelli che ha chiesto l'audizione, in un'intervista a El Watan, uno dei pochi quotidiani indipendenti paesi.
"Quello che motivati ​​noi era il vuoto estremo ci sentiamo alla Presidenza della Repubblica", ha aggiunto il signor Bouregaa, precedentemente noto combattente della guerra d'indipendenza contro la Francia.
Nel frattempo, anche se il presidente o chi lavora dietro di lui a prendere le decisioni, una sorprendente serie di inizi ha avuto luogo apparentemente in vista di una transizione: una purga dei servizi segreti, l'imprigionamento dei Superiori Generali di esercito e una serie di leggi che garantiscono nuovi e le sanzioni per i giornalisti e altri che disturbano "il morale della nazione".
"Oggi c'è una lotta feroce per la successione", ha detto Omar Belhouchet, editore di El Watan, che ha pubblicato molte rivelazioni del cerchio interno presidenziale. "Nessuno può dire quando qualcosa accadrà. "
Uno degli sviluppi più sorprendenti è stata la discussione pubblica delle decisioni presidenziali apparenti da parte del gruppo di 19, in quanto noti personaggi che hanno chiesto un incontro con il presidente.
Tra loro ci sono eroi nazionali come il signor Bouregaa, Zohra Drif, un combattente della stessa guerra d'indipendenza; e Louisa Hanoune, un politico di fuoco che è stato imprigionato durante gli anni della dittatura, quando sono stati vietati i partiti politici.
Hanoune, ora leader del Partito dei Lavoratori, ha detto che dubitava che il presidente aveva anche visto la loro lettera di richiesta di audizione.
"Sono convinto che se avesse letto, avrebbe chiamato alcuni del gruppo", ha detto in un colloquio separato con El Watan. "Quando sei giù dalla malattia e non è possibile spostare, si diventa dipendente da altri. "
Hanoune ha direttamente accusato una cricca di oligarchi e ministri di manipolare il presidente a passare decisioni che avvantaggiano i loro interessi commerciali.
Lei e il signor Bouregaa interrogato diverse recenti decisioni del governo che dicono sono fuori di carattere del presidente, in particolare la detenzione di due alti generali.
Non sono i soli. Ali Benflis, un ex primo ministro, che era secondo nella gara per la presidenza lo scorso anno, ha detto che la cattiva salute del presidente aveva lasciato un "vuoto di potere" che ha permesso un clan di prendere la controllo.
 "Le forze extra-costituzionali sequestrati poteri, al di fuori della Costituzione, è responsabile per la presidenza", ha ha detto.
Ha descritto coloro che sono responsabili affari loschi come persone gravitavano attorno al presidente.
"Sono queste le forze che hanno preso il potere e gestire il business invece del presidente", ha ha detto. "Se non ci fosse vuoto di potere, non si dispone di tale. "
I partiti di opposizione avvertono di ripercussioni più ampie. "Mi preoccupa per l'intero paese, per la stabilità globale", ha detto Abderazak Makri, il leader del Movimento della società per la Pace, il più grande partito islamista legale nel paese.
"Oltre ai problemi politici", ha aggiunto, "ci sono problemi economici, anche," in gran parte determinata da un forte calo del prezzo del petrolio, che ha raggiunto il suo livello più basso in 11 anni questo settimana.
Algeria è stata a lungo guidata da un gruppo politico e militare opaco - spesso definito come "potere" - in cui le decisioni vengono prese dietro le quinte da un sistema di consenso. Questo consenso è ormai al collasso, dicono i commentatori politici.
Signor Mediène, meglio conosciuto come Toufik, ha portato i servizi segreti, il DRS per 25 anni. Una figura scura e influente che mai apparso nei mezzi di informazione o discussa in pubblico, ha guidato la "guerra sporca" contro la brutale insurrezione islamista nel 1990, manipolato le elezioni e dominato dalla politica i record continuava contro quasi tutti.
I partiti di opposizione dicono che il signor Mediène organizzato elezioni presidenziali in aprile 2014 garantendo un quarto mandato per Bouteflika sofferenza. Pur avendo trascorso mesi in ospedale dopo un ictus nel 2013 e mai qualsiasi apparizione in pubblico o di pronunciare una sola discorso elettorale, Bouteflika ha vinto 81 per cento dei voti.
Tuttavia, dopo la rielezione di Bouteflika, il sig Mediène cadde in disgrazia. Il Presidente o il gruppo intorno a lui, è apparso in un gioco di consolidare il potere senza di lui.
Gli oligarchi hanno legato con il fratello del presidente e consigliere è cresciuta in importanza, mentre classici come quelle del gruppo di 19 sono stati respinti.
Tre generali furono imprigionati e decine di ufficiali licenziati a partire dall'estate. Nel mese di agosto, il generale Abdelkader Ait Ouarabi, meglio conosciuto come generale Hassan, il capo dei servizi segreti contro il terrorismo, è stato arrestato.
Nel mese di novembre è stato condannato a cinque anni di carcere per la distruzione di documenti e violazione delle norme. Avvocati del generale Hassan hanno protestato che non abbiamo gli permise di avere un processo equo e, in particolare, che non era in grado di chiamare il suo superiore, il signor Mediène come testimone.
Il signor Mediène è stato finalmente raggiunto sé pubblica, la prima volta nella sua carriera, dichiarando in una lettera aperta che il generale Hassan era sotto di lui e dovrebbe essere rilasciato immediatamente.
"Tutto ad un tratto diventato chiaro", ha scritto il commentatore Nourredine Boukrouh nel quotidiano Le Soir d'Algeria. La corruzione ad alto livello e il quarto mandato presidenziale avevano diviso alta leadership militare e politica, ha scritto e diffuso nelle informazioni dei media in un modo mai visto prima.
In tutto ciò, il presidente Bouteflika è rimasto in silenzio, comunicando con lettere occasionali al governo, lasciando anche quelli più vicini a lui chiedersi chi è veramente in controllo.

Questo intervento include un file multimediale audio / video / immagine: Scarica adesso