Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 9 luglio 2014

Il Corcovado piange mentre la madonna di Guadalupe pregava!!!

Di Slimane Melab,
Se fosse una leggenda sarebbe bello raccontarla anche per diversi volte e senza mai stancarci di sentire le vicissitudine di questo meraviglioso paese che sono pieni di fantasia e soprattutto di fascino.
Ieri sera anche il cristo Rendentor del Corcovado di Rio De Janeiro ha pianto fiumi di lacrime trasportate del Rio Grande del nord a quello del sud mentre la madonna di Guadalupe, la protettrice del Brasile, pregava per tutto il Brasile. E' una notte tristissima per non solo il Brasile ma per tutto il mondo, per tutti i suoi tifosi del mondo intero. Ieri tutta la terra ha pianto lacrime di tristezza di disperazione, di amarezze, di dispiacere, di sfogo
Dopo la batosta piena avuta della grandissima Germania che ha prestato un calcio di ottimo livello internazionale si è presa la rivincita dopo la sconfitta inflittagli del Brasile nel mondiale del 2002 in Giappone e Corea del Sud. La partita era finita con uno score umiliante di 7-1 per i tedeschi.
Il Brasile non c'era con la testa in campo ma solo con il nome pesante di grandissima storia, non c'era nulla da fare per il grande portiere che fu umiliato dai giocatori tedeschi, in effetti Julio Cezar doveva essere il miglior portiere del mondo però con questa orribile sconfitta il suo cartellino sarà sicuramente ridotto e in quanto agli altri giocatori, il loro valore diminuerà in tutti i sensi, si salverà solo Neymar che era infortunato nella partita precedente contro la Colombia.
Suppongo che anche il grandissimo Garincha, tuttora è tristissimo sottoterra piangendo di tristezza e sarò Alfredo Di Stefano a consolarlo, di conseguenza mori proprio l'altro ieri prima della partita contro la Germania. ( Che le loro anime si riposano in pace).
Il mondiale avrebbe ridato il sorriso a tantissimi brasiliani, a tantissimi bambini, a tanti poveri disgraziati emarginati delle loro società, e anche allo stato stesso che non ci riesce a sopportare tutta la popolazione economicamente e fisicamente.
Insomma il mondo intero è con questo grandissimo paese.