Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

venerdì 23 gennaio 2015

Tra il riflesso populista e realismo economico, Finanza: i ministri soffiano caldo e freddo

Secondo" Algérie 360.com",
Di fronte a una crisi petrolifera non voleva venire a vedere che così non ha preso cura di anticipare l'impatto sull'economia nazionale, il governo non sa che il discorso di banda.
Se il 30 dicembre, alla finale del Consiglio dei Ministri del 2014, il Presidente della Repubblica Abdelaziz Bouteflika, ha avuto un spiel volutamente rassicurante, drammatizzato l'impatto della drastica caduta dei prezzi del petrolio sul nostro economia è fortemente dipendente dagli idrocarburi, i ministri, che hanno parlato dopo di lui, hanno lasciato a tradire, per alcuni, per inciso, una vera e propria sensazione di ansia.

"Sono convinto che in un legittimo e serenità attraverso le sfide, Algeria passare senza difficoltà le grandi perturbazioni incontrate dal mercato internazionale del petrolio," rassicurò infatti Bouteflika in sua guida discorso al Consiglio dei ministri.

Il discorso presidenziale aveva voluto attenuare le paure che il mini-gabinetto tenuto pochi giorni prima avrebbe potuto sollevate in ampi segmenti della società, come è che le decisioni delineati in quel momento erano nella direzione di importanti restrizioni di bilancio. Ma la serenità mostrata da Bouteflika ai suoi ministri fu presto tradito dai ministri sono stati unanimi nel riconoscere che le conseguenze della crisi non sarà incantevole.

E la dichiarazione spaventoso per una vasta parte della società resta quello imposto ieri al Senato dal ministro delle finanze Mohamed Djellab, sottolineando: "In futuro, i cittadini dovranno pagare quello che devono in un ospedale pubblico o l'affitto per le case popolari ... Ognuno deve assumersi la responsabilità ". E rivelano, di passaggio, che si tratta di un approccio in fase di sviluppo nel governo.

Il ministro delle Finanze ha annunciato all'Assemblea del saggio, questo non è altro che la fine della cura gratuita nelle istituzioni sanitarie pubbliche e, più in generale, la fine della concessione del condizione per molti servizi pubblici. Non c'è bisogno di dimostrare che è la finanza nazionale reflusso indotta crisi petrolifera che ha suggerito tali misure. Questo è evidente.

Ma il punto qui non è quello di esporre sulla pertinenza delle soluzioni proposte per attutire lo shock della crisi petrolifera sulla vita economica e sociale nazionale. Questo è quello di evidenziare l'incongruenza evidente che caratterizza la comunicazione del governo. Una comunicazione raccomandata, inoltre, dal Presidente della Repubblica in occasione dell'ultimo Consiglio dei ministri, ma quando si riesce a dare un contenuto coerente.

Così la dichiarazione di Djellab è sfasamento rete con l'assicurazione da parte del capo dello Stato. E questa discrepanza non viene messa in conto di non padronanza della comunicazione in tempi di crisi a cui, è vero, il governo non ha abituati. La cacofonia si pone, in primo luogo, l'assenza di una strategia deliberata e coordinata per affrontare la crisi. Il governo è in realtà diviso tra ciò che impone il senso economico e la necessità di curare la sua formula per non spaventare.

Così, quando il primo ministro incaricato il blocco delle assunzioni nella pubblica amministrazione per l'anno 2015, il Ministro della Pubblica Istruzione si è affrettato ad affermare che la misura non riguarda il settore. Così, inoltre, che quando nel maggio 2014, il Consiglio dei ministri ha deciso di autorizzare lo sfruttamento del gas di scisto, Ministro dell'Energia Youcef Yousfi, che si è affrettato ad andare inaugurazione accensione del primo razzo a in-Salah, che ha sollevato le onde, fatta in un ritaglio scomodo, affermando che "il governo ha finora preso alcuna decisione definitiva sullo sfruttamento del gas di scisto e sta attualmente conducendo una valutazione tecnica ed economica del progetto ".

L'atteggiamento del governo è riassunta dalle forze polo di cambiamento che ha sottolineato Martedì che "sembra essere impostagli dal fallimento, impotenza e confusione in cui si trova di fronte alla complessità di questa crisi prima che si è rivelata improvvida, e di gestione che, appare ormai priva di una strategia di risposta adeguata e misurare molteplici sfide che impone al paese. "
Entre le réflexe populiste et le réalisme économique, Finances : les ministres soufflent le chaud et le froid