Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

mercoledì 2 settembre 2015

Algeria rilancia per aumentare la sua produzione di gas naturale

Durant-le-premier-trimestre-2015-les-exportations-algériennes-d-hydrocarbures-ont-atteint-23-4-millions-de-tonnes-équivalent-pétrole-592x296.jpgAlgeri prevede di aumentare la propria produzione di gas del 13% entro quattro anni, nonostante la congettura sfavorevole in cui si trova il settore degli idrocarburi.

"Si prevede che la produzione di gas naturale dall'Algeria nel 2019 aumenterà di oltre il 13% rispetto al 2014 e per soddisfare la domanda del mercato interno e un aumento delle esportazioni", ha insistito il ministero dell'Energia a l'ultima edizione di The Energy Review algerino, una pubblicazione del governo.

La produzione di idrocarburi in Algeria è quasi continuo declino dal 2006. L'anno scorso, le esportazioni di gas naturale dall'Algeria sono diminuite del -17% a 27.44 miliardi di metri cubi, quelli dell'olio petrolio greggio e condensato da -16% a 28,35 milioni di tonnellate.

Piani

Per arginare il calo del petrolio e del gas in Algeria, Sonatrach, la società nazionale idrocarburi, sta valutando un piano per investire $ 90000000000 tra il 2015 e il 2019.

Tuttavia, il drastico calo delle entrate pubbliche provocata dalla caduta dei prezzi del petrolio potrebbe portare Algeri di rivedere il piano di sviluppo.

Lo scorso luglio, il governo ha approvato un bilancio rettificativo per il 2015, che prevede una riduzione del 50% dei proventi delle esportazioni: le entrate da esportazioni di idrocarburi sono quindi prevede che 34 miliardi di dollari, contro i 60 miliardi dollari e inizialmente previsti 58500000000 $ nel 2014.

2016, l'Algeria prevede di ridurre i costi complessivi di quasi il 9%, mentre il governo non promette di toccare i programmi di edilizia abitativa e l'assunzione nel servizio pubblico.

Situazione tesa

"E 'meglio contare i nostri soldini, ma senza strappi al motore economico che sostiene l'occupazione e il potere d'acquisto", si è dichiarato il primo ministro algerino Abdelmalek Sellal, 29 agosto. "La situazione è più tesa per le finanze pubbliche e per la bilancia dei pagamenti. Questo sostiene la necessità di azioni di razionalizzazione della spesa pubblica e lo sviluppo del mercato dei capitali ", ha aggiunto.

Alger si aspetta un tasso del 4,6% per il 2016, contro il 3,6% quest'anno, mentre il FMI è più pessimista nella stima del 2,5% nel 2015 e del 3,9% nel 2016.

>>>> Scopri nella nuova edizione di Jeune Afrique (n ° 2851), disponibile in edicola e in formato digitale, un'indagine dettagliata sugli effetti del calo dei prezzi del petrolio sulle finanze algerine e le conseguenze sociali e politiche che possono sorgere.