Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

lunedì 7 settembre 2015

L'olio d'oliva, l'Algeria è il settimo più grande produttore


Huile d’olive, L’Algérie est le septième producteur mondialIl cittadino algerino non consuma a sufficienza di questo prodotto per virtù nutrizionali riconosciuti per la salute
l'Algeria ha raggiunto un volume stimato di 50 000 tonnellate / anno, contro 19.000 t / anno nel 2000, e al quinto posto nel mondo per la produzione di olio commestibile con 220 000 t / anno.

Considerato per molto tempo come i "migliori", i frutteti di olio d'oliva di Cabilia sembra essere detronizzato da quello di Jijel, anche quella del Sig.
Alcune recenti analisi in laboratorio hanno rivelato l'olio d'oliva "di buona qualità", prodotto nella provincia di Jijel, in particolare in termini di acidità di questi tassi di petrolio.
In un documento presentato alle APS, il Segretario Generale della Camera dell'Agricoltura della wilaya, Yacine Zeddam, ha detto che dei 11 frantoi moderni e tradizionali, solo due ottenere oli con un acidità tra 3,92 e 17,6%. Gli altri nove che invia loro i risultati "molto soddisfacente" con tassi che variano tra 0,48 e 2,73%.
Lo stesso funzionario ha detto che questa operazione analisi fa parte della valutazione della qualità dell'olio di oliva prodotto in Algeria sotto il raccolto 2014-2015 oliva.
I campioni sono stati prelevati dal l'Istituto Tecnico di alberi da frutto e viti (Itaf) Sidi Aich, nella wilaya di Bejaia, con 11 mulini località di Taher, Chekfa El Ancer e beato Hebibi, tutti situati nelle zone olivicole della provincia di Jijel, ha sottolineato Zeddam. Al fine di migliorare ulteriormente la qualità del prodotto, Zeddam ha detto che "sostenere gli sforzi" produttori continueranno a ottenere prestazioni migliori.
Il campionamento è stato concentrato in particolare sul "PH" analisi (potenziale idrogeno) (che rappresenta la misura della chimica alcalinità, ed) nonché sensoriale, analisi chimiche e il contenuto di grasso contenuta nel prodotto .
La produzione di olio di oliva ha raggiunto più di 24.000 ettolitri sotto la campagna 2013-2014 in provincia di Jijel, dove due associazioni professionali approvati dallo Stato, attiva nel settore dell'olio di oliva, che ha una superficie di 14 300 ettari di uliveti.
Jijélienne La regione ha 134 frantoi (47 87 moderni e tradizionali) e una forza lavoro di oltre 1.400 coltivatori, secondo la Camera dell'Agricoltura locale.
Attualmente classificato settimo al mondo, in materia di produzione di olio d'oliva, l'Algeria ha raggiunto un volume stimato di 50.000 tonnellate / anno, contro 19.000 t / anno nel 2000, e il quinto a livello mondiale per la produzione tavolo olio con 220.000 t / anno. Tuttavia, il cittadino algerino consuma appena sufficiente prodotto per virtù nutrizionali e sanitari riconosciuti. Infatti, consuma solo 1,5 kg di olio d'oliva per campagna, o 4,1 grammi / giorno, che non è sufficiente, secondo il direttore generale dell'Istituto Tecnico Nazionale per la coltivazione di frutta e vigna, Mendil Mahmoud che recentemente parlando a margine di un seminario sul tema "produzione di olio d'oliva e miele, di qualità ed esportare le prospettive", organizzato lo scorso giugno a Boumerdes. L'oratore, va ricordato, aveva sottolineato le ambizioni del governo algerino per migliorare i consumi nei prossimi anni, per aumentare il creatore settore oliva di posti di lavoro diretti, indiretti e significativi.
Per inciso, Mendil ha sottolineato che le autorità competenti stanno pianificando un aumento del consumo di olio d'oliva fino a 3 kg / anno, il doppio del consumo di corrente e che, per essere "in sintonia con il programma di sostegno al settore dell'olio d'oliva. " Lo Stato attribuisce a raggiungere questo obiettivo nei prossimi cinque anni, ha aggiunto il relatore ha citato "l'Algeria-Focus", spiegando che per fare questo "le autorità hanno lanciato un programma ambizioso con l'avvio della produzione nel corso dei prossimi cinque anni, una superficie olivicola totale di quasi 180.000 ettari, che sarà aggiunto alla zona attualmente producendo, stimata in 200.000 ettari di ulivi.
Questo approccio, volto a migliorare il posizionamento di Algeria, attualmente in settima posizione a livello mondiale nella produzione di olio d'oliva, richiedono, secondo lui, una riorganizzazione del comparto olivicolo a tutti i livelli, rendendo la creazione di un mercato nazionale trasparente e organizzata.