Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

sabato 12 aprile 2014

Caso Sonatrach, congelati i conti di Farid Bedjaoui in LIbano.

Secondo il quotidiano " Le Soir d'Algeria ",
Farid Bedjaoui , complice principale di Chakib Khelil in casi di corruzione con la società italiana Saipem , ha presentato una denuncia ieri contro la gestione del caso giudice italiano , accusandolo di distorsione dei fatti legate alle indagini. Questa azione disperata è stata decisa per il fatto che il giudice era in grado di trovare un sacco di denaro sporco nelle banche libanesi e sta per entrare .
La scoperta dal magistrato italiano del " cache" libanese ha reagito Bedjaoui e dei suoi complici . Per evitare Fabio De Pasquale giudice a cogliere i fondi raccolti nelle banche libanesi , gli avvocati Farid Bedjaoui ha deciso di sporgere denuncia contro di lui . Chakib Khelil complice il cui conti bancari sono stati congelati la settimana scorsa ha presentato una denuncia contro il procuratore italiano indagando Sonatrach , citando irregolarità nel procedimento.
Ma fonti italiane sostengono che la magistratura libanese è disposto a cooperare pienamente in questo caso che ha scosso gli algerini e gli italiani . Questa collaborazione ha portato alla accettazione da parte libanese dell'esecuzione della rogatoria . Il giudice De Pasquale è atteso a Beirut da Lunedi prossimo per la prosecuzione della sua indagine di banche libanesi che hanno accettato già , procedere a congelare i conti associati Farid Bedjaoui . In precedenza , il procuratore italiano ha inviato alla giustizia libanese una lettera chiedendogli di fornire i documenti relativi ai conti bancari Bedjaoui Libano.
La risposta delle autorità giudiziarie libanesi ha permesso al giudice Fabio De Pasquale la posizione di ingenti somme che sono passati attraverso diversi paesi per l'atterraggio . Ciò ha causato il panico tra Chakib Khelil e il suo complice Farid Bedjaoui . Ieri , l'avvocato dell'imputato ha fatto una dichiarazione alla libanese Daily Star , in cui sosteneva che la lettera del giudice italiano conteneva informazioni errate sul client . Cercò quindi di confrontare la situazione di indagini precedenti condotte da De Pasquale contro l'ex primo ministro italiano Silvio Berlusconi .
L'avvocato Bedjaoui cercando di influenzare la magistratura libanese affermando che le autorità giudiziarie degli Stati Uniti , Hong Kong e l'Irlanda hanno tutti rifiutato di consegnare i documenti a De Pasquale ai fini della sua indagine sulle accuse di frode contro Berlusconi , dicendo che la sua richiesta di assistenza è stata indebolita da false dichiarazioni , omissioni e incoerenze . L'avvocato Farid Bedjaoui dice il giornale De Pasquale è attualmente un tentativo simile in Libano , presentando una domanda contenente false dichiarazioni sulla base di malizia , che è la ragione per la nostra azione .
" Abbiamo chiesto al pubblico ministero di non agire sulla rogatoria inviata dal procuratore De Pasquale . « Ma tutti gli osservatori sono scettici sulla sinistri Bedjaoui e il suo studio legale . Nel 2013 , la magistratura libanese aveva sollevato il segreto bancario per consentire un'indagine sui conti Bedjaoui in Libano , e ci sono solo due settimane , le autorità giudiziarie libanesi hanno congelato i suoi beni . Bedjaoui contesta anche la decisione della Banca centrale libanese ordinato il congelamento dei suoi beni . Perché cattura un sequestro a titolo definitivo delle somme sperperate in questi conti .
Chakib Khelil preparare il suo bagaglio
In aggiunta a questa brutta notizia , Chakib Khelil è echi preoccupati che arrivano in Italia . Infatti, il governo Mateo Renzi ha deciso di escludere gli organi direttivi di imprese pubbliche o di partecipazione , qualsiasi amministratore accusato di criminalità finanziaria . Prima vittima di questa decisione , Paolo Scaroni , il complice Chakib Khelil nel business Sonatrach Saipem .
Questa decisione è sinonimo di volontà politica di porre fine a questa vicenda Sonatrach Saipem che ha inquinato il clima economico in Italia . Inseguito da un'indagine KBR Stati Uniti , Chakib Khelil è Scaroni sicuro se cade, riguarderà in tutto il mondo . Soprattutto dagli americani . Tutte queste ragioni hanno spinto le persone che hanno influenza , di intervenire presso l'uomo forte degli Emirati , Mohamed Al Shaibani , il capo del personale dell'Emiro e il direttore di diversi fondi sovrani .
Al Shaibani è richiesto per assicurare , Chakib Khelil , una vita tranquilla a Dubai , come ha fatto per Farid Bedjaoui . Questo uomo, infatti , ha usato tutto il suo peso per la giustizia degli Emirati Arabi Uniti non sta cooperando pienamente con il giudice italiano che diventa un incubo per coloro che sono coinvolti nel business della Sonatrach . Pasquale è certo e lo fa coprire la maggior parte , una buona parte del denaro tangente è stata posta da Chakib Khelil e Farid Bedjaoui in azioni anonimi gli Emirati , dopo aver trasferito dal conto principale di Hong Kong .
Al Shaibani e il suo emirato deve molto ad alcune persone in Algeria , che hanno facilitato il suo accesso a enormi investimenti per un valore di più di $ 30 miliardi nel settore specifico (la fabbrica Philip Morris ha venduto di recente) , il turismo (progetto Emiral Sidi Fredj e Ouled Fayet Dounya Park) , finanza ( banche Salam ) , i servizi (porte di Algeri e Djendjen ) e soprattutto l'olio ( la società spagnola Cepsa , che è diventato 100 % UAE) . Il governo degli Emirati Arabi Uniti, che ha beneficiato di tutta questa generosità in Algeria si prevede di fare sforzi per proteggere Chakib Khelil suo guru italiano , Fabio De Pasquale .
Affaire sonatrach, Les comptes de Farid Bedjaoui au Liban gelés