Sono un Freelance, commento e scrivo articoli su diversi temi come la sociologia , le religione , la politica , gli avvenimenti storici , culturali , ambientali , ecologici ecc...

domenica 27 aprile 2014

Iran: la crisi economica mette fine alla luna di miele di Rohani

Secondo " Le Point.Fr "
Hassan Rohani aveva promesso di far rivivere un piombo dalle sanzioni occidentali , ma otto mesi dopo la sua elezione alla presidenza dell'Iran , nessun miglioramento principale è in vista e la frustrazione costruisce all'interno dell'economia popolazione.
Rohani , un religioso moderato , impegnato in un dialogo con l'Occidente da quando ha assunto l'incarico nel mese di agosto del 2013, rompendo con la politica del suo predecessore , Mahmoud Ahmadinejad , il cui mandato duale è stata segnata dal confronto .
Teheran vuole raggiungere rapidamente un accordo definitivo con le grandi potenze del gruppo 5 +1 (Cina , Stati Uniti , Francia, Regno Unito , Russia e Germania) sul programma nucleare iraniano , sospettato di nascondere una componente militare , e lasciate lievitare sanzioni che soffocano l'economia per diversi anni .
A livello nazionale , i primi passi hanno ridotto l'inflazione al 34,7 % di marzo ( -5,7% su base annua) e il tasso di cambio di valuta estera si è stabilizzata.
Ma se , nel complesso , le istituzioni internazionali ritengono che le prospettive di crescita sono positive per diversi mesi , molti iraniani assicurarsi che la loro situazione non è cambiata poiché la maggior parte delle sanzioni restano in vigore , e l'economia è ancora in recessione .
Nei mercati e bazar della capitale , la frustrazione ha sostituito il senso di speranza che nasce dalla elezione del sig Rohani e firmato un accordo a fine 2013, con il 5 +1 gruppo che sollevò alcune sanzioni .
 "No meglio di prima " -
"E 'come , " riassume Nahid Pakmiat , un dipendente di un'università in pensione , che vive nel distretto di Ali Abad della classe media a sud di Teheran .
"C'è un grande divario nella società , aggiunge i giovani in pensione 55 anni. L'aumento dei prezzi della carne insostenibile , di pollo o di altre materie prime " per la classe media o scarsa .
Un Mokhtari , un quartiere povero della città , gli effetti dell'accordo con le grandi potenze sono invisibili . "I prezzi non si fermeranno l'arrampicata e le mie vendite sono sentita . S ' La vita non è meglio di prima", si lamentò Ali Heydari , proprietario di un negozio di alimentari .
Anche se la pozione è amara , il governo resta impegnata a importanti riforme , quali la drastica riduzione dei sussidi governativi per l'energia , combustibili e prodotti di base dei consumatori , che per primo ha colpito i più poveri .
Dall'inizio dell'anno iraniano , il 21 marzo il prezzo dell'energia elettrica e del gas è aumentato di circa il 25 % . Venerdì scorso, un aumento del 75 % dei prezzi del carburante è stato annunciato. Due giorni prima, il presidente aveva subito la sua prima battuta d'arresto politico , il 95 % degli iraniani che sostenevano quest'anno in assistenza governativa $ 14 al mese pro capite. Il governo aveva ancora chiamato la più favorita per dare categorie di aiuti .
- " Patience " -
Nonostante l'impatto immediato sui tagli di prezzo in sussidi , gli analisti ritengono che sono necessarie queste misure di austerità per rilanciare l'economia .
Alcuni politici hanno anche denunciato la cattiva gestione della precedente amministrazione .
" I tempi sono duri , siamo in un periodo di stagflazione ed è difficile attuare una politica economica in queste condizioni per tutte le misure che promuovono la crescita genererà inflazione ", ha detto AFP Ramin Rabii , CEO gli investimenti turchese Partner fondi.
Se la lotta contro l'inflazione resta la priorità Rohani , che vuole ridurre il tasso al 25 % di marzo 2015, i recenti aumenti dei prezzi dovrebbe causare una nuova epidemia , dice il signor Rabii , notando che il governo ha poche opzioni .
"E 'una questione di pazienza ", aggiunge . Avverte anche di speranze eccessive forse un accordo nucleare nel mese di luglio , nonostante l'ottimismo .
Uomini d'affari occidentali con sede in Iran , accolti da AFP , sono anche preoccupati per il fallimento dei negoziati tra Iran e 5 +1 .
E anche se risultano in un accordo, si preoccupano della pressione che estremisti piano avrebbe messo il governo se la situazione economica non migliora rapidamente

  1. Hassan Rouhani
    Presidente dell'Iran